Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 394
VITTORIA - 10/10/2016
Cronache - E’ successo a pochi passi dal commissariato

Donna e bastoni con rissa a Vittoria

Le manette sono scattate in flagranza Foto Corrierediragusa.it

Ci sono motivi passionali all’origine della violenta rissa con tanto di bastoni scoppiata all’alba di domenica in piazza Berlinguer (a poche centinaia di metri dal commissariato). I contendenti sono stati cinque uomini ed una donna, tutti albanesi e in evidente stato di ebbrezza alcoolica. Le volanti, intervenute durante la rissa e nel fuggi fuggi generale, hanno portato i rissosi in commissariato. Solo uno dei soggetti aveva i documenti, una carta d’identità rilasciata dal comune di Niscemi, essendo residente in quel centro. Le botte da orbi sarebbero scaturite dalle avances sempre più ardite di quattro dei contenenti, tutti residenti a Niscemi, verso la coppia di connazionali, uomo e donna, che invece abita a Vittoria. I fumi dell’alcool hanno fatto degenerare la lite. Le manette in flagranza di reato sono scattate per tutti e sei i contendenti, compresa la donna oggetto degli apprezzamenti pesanti, che non ha lesinato pure lei calci e pugni. Tutti sono di età compresa tra i 23 e i 32 anni. Sono accusati di rissa aggravata, porto abusivo di oggetti atti ad offendere e lesioni personali in concorso.

Dopo poche ore trascorse nel carcere di Ragusa, tranne la donna alla quale erano stati concessi i domiciliari, tutti sono stati rimessi in libertà dal giudice del tribunale di Ragusa, nell’ambito del processo direttissimo e dopo la convalida degli arresti, in accoglimento delle richieste avanzate dagli avvocati difensori Sergio Crisanti e Italo Alia. Il procedimento è stato dunque rinviato a lunedì prossimo per le eventuali richieste di riti alternativi quali l’abbreviato o il patteggiamento della pena.