Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 650
VITTORIA - 24/08/2016
Cronache - Protagonista dell’episodio un uomo originario di Niscemi

Sindaco di Vittoria aggredito verbalmente

Il primo cittadino ha stigmatizzato quanto accaduto Foto Corrierediragusa.it

E’ stato arrestato un 43enne originario di Niscemi ma da tempo residente a Vittoria e di cui non sono state rese note le generalità, resosi protagonista di un’aggressione verbale al sindaco Giovanni Moscato, danneggiando altresì il municipio. Tutto è accaduto martedì mattina, quando l’uomo, ricevuto dal primo cittadino nell’ambito degli incontri programmati con i cittadini, stando al comunicato diramato da palazzo Iacono, ha all’improvviso e senza motivo apparente dato in escandescenze, urlando all’indirizzo dell’allibito Moscato. Il 43enne ha poi danneggiato una statua di pietra, prendendola di peso e scagliandola violentemente per terra, rovinando altresì la pavimentazione. Sono quindi intervenuti poliziotti e vigili urbani che hanno ricondotto l’uomo a più miti consigli, ammanettandolo per resistenza e violenza a pubblico ufficiale. E’ inoltre scattata la denuncia per danneggiamento aggravato. Non è stato facile bloccare l’uomo, che, dimenandosi, ha provocato contusioni ad uno degli agenti della polizia locale, portato in ospedale, dove i medici lo ha visitato e dimesso con dieci giorni di prognosi.

«Sin dal nostro insediamento – ha detto il sindaco – abbiamo affermato di voler governare un palazzo di vetro, trasparente e aperto ai cittadini. In poco più di due mesi ho incontrato, così come gli assessori della giunta, centinaia di cittadini, affrontando il grande disagio economico e sociale che si respira in città e che fronteggiamo con i pochi mezzi a nostra disposizione, non sempre adeguati. Nonostante questo spiacevole episodio, per fortuna senza gravi conseguenze, continueremo il dialogo con i cittadini e anzi intensificheremo i controlli a garanzia di tutti i cittadini onesti che intendono confrontarsi con l´amministrazione. Sia chiaro – conclude il sindaco – che non sono ammissibili né tollerabili atteggiamenti violenti o ricattatori da parte di nessuno e queste condotte verranno perseguite e punite con fermezza». Numerosi attestati di solidarietà sono pervenuti al primo cittadino. Per garantire maggiore sicurezza, il comando di polizia locale ha dunque predisposto un rafforzamento dei controlli all’ingresso di palazzo Iacono.

Nella foto l´ingresso di palazzo Iacono nei momenti concitati dell´arresto