Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 599
VITTORIA - 21/08/2016
Cronache - La donna dice la sua sugli sviluppi del caso che sta infiammando l’Italia

"Questa legge mi fa vomitare": amaro sfogo della madre della bambina che stava per essere rapita ai microfoni di Mediaset

"Si è fermato perchè noi l’abbiamo fermato" Foto Corrierediragusa.it

"Questa legge mi fa vomitare". La madre della bimba che nel pomeriggio di Ferragosto sarebbe stata vittima di un tentato rapimento in spiaggia a Scoglitti, sfoga la sua rabbia ai microfoni di Enrico Fedocci di NewsMediaset. Ram Lubhaya, il 43enne indiano denunciato a piede libero, è stato infatti rilasciato per la seconda volta, dopo un´interrogatorio durato 7 ore e nel corso di cui si è proclamato innocente. "Ci è stato detto che non ha concluso il reato. Ma si è fermato solo perché noi lo abbiamo fermato", commenta la donna. "Mi trovavo sul lungomare, a risalire le scale. La bambina - ricorda la madre - era già salita con mio marito. Un´amica mi ha fatto notare che la mia bimba era in braccio a uno straniero che la teneva molto stretta a sé, con il faccino quasi sotto la sua ascella, proprio bloccata a lui". "La paura è stata tanta. Ieri siamo stati risentiti, speranzosi che questa persona venisse anche solo espulsa dall´Italia. Voglio solo dire - ribadisce - che io vomito davanti alla legge italiana. Perché ho compreso che è stata applicata proprio la legge nei minimi particolari. Ci è stato detto che non ha concluso il reato: lo dovevamo perdere di vista per poter dire che si stava portando via la nostra bambina. Non mi stancherò mai di ripeterlo: si è fermato solo perché noi l´abbiamo fermato".

L´indiano ha sostenuto nell´interrogatorio di avere tenuto in braccio la bambina per 45 secondi e di aver percorso non più di 10 metri con la piccola in braccio, prima di essere fermato dai genitori. Resta però oscuro il movente che aveva spinto l´uomo a prendere la bambina e a cercare di allontanarsi. L´indiano, che lavora saltuariamente facendo tatuaggi all´hennè sulle spiagge, è senza fissa dimora, irregolare sul territorio italiano e già destinatario di un provvedimento di espulsione, essendosi resi responsabile in passato di altri reati.