Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 883
VITTORIA - 03/08/2016
Cronache - Lo rende noto lo Sportello delle criticità bancarie e tributarie

Un cliente denuncia la propria banca

La vicenda potrebbe sfociare in un processo penale Foto Corrierediragusa.it

Un altro caso di presunta usura bancaria in territorio ibleo, nella fattispecie a Vittoria, dove un cliente ha denunciato la sua stessa banca, a carico di cui è intervenuta la procura. Lo rende noto lo Sportello delle criticità bancarie e tributarie. "Anche stavolta - si legge nella nota dello Sportello a firma del presidente Giovanni Traina - è stato ottenuto un risultato importantissimo a vantaggio di un piccolo imprenditore vittoriese, nostro associato, che ha denunciato penalmente per usura un noto istituto di credito. Il sostituto procuratore Gaetano Scollo ha disposto la sospensione, ai sensi della Legge 44 del 1999, degli adempimenti amministrativi e del pagamento dei ratei, interessi e competenze di un rapporto bancario con un altro istituto di credito per 300 giorni, nonché la proroga dei termini di scadenza di tutti gli adempimenti fiscali per la durata di tre anni. Il sostituto procuratore - si continua a leggere nella nota dell´organismo - ritenendo degna di tutela la posizione del querelante, ha concesso il provvedimento di sospensiva previsto dalla L. 44/99. Speriamo che a breve si possa celebrare il processo penale, nel quale lo sportello si costituirà parte civile.

Con la costanza di un lavoro sociale nel territorio - chiude Traina - stiamo dimostrando che questo territorio e il suo tessuto sociale può essere tutelato nelle opportune sedi giudiziarie dalle vessazioni bancarie".


MATTANZA
15/08/2016 | 19.35.11
marcotullio

Dopo la mattanza legale dei medici ospedalieri, ora è il turno delle banche. A chi tocca ora?