Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 841
VITTORIA - 11/09/2008
Cronache - Vittoria - Si era intrufolato in un’abitazione a ferragosto

Vittoria: sorvegliato speciale in manette

Si tratta del pregiudicato niscemese Giuseppe Avila Foto Corrierediragusa.it

Nel giorno di ferragosto, aveva preso di mira un’abitazione vuota, perché il proprietario si trovava in villeggiatura a Scoglitti. L’uomo si era intrufolato in una casa, in via Duca D’Aosta, qualcuno l’aveva notato e aveva segnalato alla Polizia. Nel pomeriggio di ferragosto, alle 17,30, la Volante si era recata nella zona, e, dalla finestra socchiusa, aveva visto all’interno uno dei ladri, che però riusciva a fuggire. Era un noto pregiudicato della zona, un sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno a Vittoria.

Si tratta di Giuseppe Avila (nella foto), originario di Niscemi, di 23 anni. Con lui c’era un altro giovane, che però gli agenti non erano riusciti a riconoscere. Avila ed il suo complice sono fuggiti attraverso i tetti e, nonostante il lungo inseguimento, era riuscito a far perdere le sue tracce. Accanto alla casa restava il ciclomtore marca Kymco, modello People, di proprietà della madre di Avila, ma utilizzato proprio dal figlio. Poco prima dell’ora del furto, Avila era stato visto in sella al suo ciclomotore nel centro cittadino, ma aveva svoltato per evitare un controllo.

Mezzora dopo era stato visto nella casa ed era riuscito a fuggire, dopo aver portato via oggetti di valore in oro. La Polizia, comunque, ha chiesto il suo arresto, concesso dal gudice soprattutto in considerazione dell’alta pericolosità del giovane, purtroppo un habituè dei furti. Avila è stato prelevato dagli agenti e condotto in carcere a Ragusa. Dovrà rispondere di furto aggravato, con l’aggravante di aver agito durante il periodo in cui era sottoposto alla sorveglianza speciale. Le indagini hanno inoltre accertato che il giovane aveva messo su una vera e propria banda per eseguire una serie di furti proprio nelle abitazioni disabitate durante le vacanze.