Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 259
VITTORIA - 28/06/2016
Cronache - Una storia agghiacciante

Pestava i 4 figli piccoli lasciandoli senza cibo

All’uomo erano stati affidati i piccoli dopo l’abbandono del tetto coniugale della moglie, da egli stesso stuprata Foto Corrierediragusa.it

«L’ho fatto volare in aria facendolo cadere faccia a terra, l’ho pestato talmente forte che ha pianto tutta la notte». Sono le agghiaccianti parole pronunciate al telefono da un padre, che si vantava di aver picchiato uno dei suoi quattro figli piccoli con la stessa, incredula nonna dei bambini. L’uomo, di Vittoria, tempo fa aveva violentato la moglie, poi fuggita abbandonando il tetto coniugale ed i suoi stessi figli, che vivevano col padre in condizioni disumane. L’uomo, difatti, li picchiava quasi ogni giorno, in un contesto di degrado sociale mai visto e di violenze inaudite. I quattro bambini erano costretti a vivere in un ambiente insalubre, dove la polizia, che ha arrestato il padre violento, ha trovato sporcizia ovunque e persino escrementi, oltre a mobili distrutti, indumenti per terra, materassi sudici senza lenzuola, proprio dove dormivano i bambini. Era in questo modo che l’uomo, uscito di prigione dopo aver scontato la pena per lo stupro della moglie, si prendeva cura dei figli che gli erano stati affidati.

Toccanti le telefonate dei bambini alla nonna: «Vienici a prendere, il papà non si sveglia e noi non mangiamo da un giorno intero». Il padre violento era difatti spesso ubriaco o sotto gli effetti di droghe, proprio come lo hanno trovato in casa i poliziotti al momento dell’arresto. L’uomo si è scagliato anche contro di loro, prima di essere ammanettato. I poliziotti lo tenevano sotto controllo da tempo, monitorandone i movimenti e registrando le telefonate. I quattro bambini, dopo la fine dell’incubo, sono invece stati affidati ad una comunità.

Nella foto in alto immagine di repertorio