Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 778
VITTORIA - 20/05/2016
Cronache - Colpi d’arma da fuoco in strada scaturita da un rissa

Sparatoria in strada: una condanna

Il fatto si verificò nella zona del mercato dei fiori Foto Corrierediragusa.it

Si è conclusa in tribunale con una condanna la «guerra» tra 2 famiglie per la tormentata storia d’amore tra 2 fidanzatini e che culminò lo scorso novembre in una sparatoria in strada da parte del 55enne vittoriese Giuseppe Russo contro i parenti dello «zito» di sua nipote, di cui ha ritenuto dover difendere l´onore. Il gup del tribunale di Ragusa Claudio Maggioni ha ora condannato Russo ad un anno e mezzo di carcere per l’accusa di minacce, dopo la derubricazione dell’originario reato di tentato omicidio per il quale il pm Francesco Riccio aveva chiesto una pena pari a sei anni. L’imputato, giudicato con il rito abbreviato in udienza preliminare, era difeso dall’avvocato Enrico Platania. La vicenda coinvolse suo malgrado pure una spaventata donna al volante di un’auto che transitò per quella strada proprio mentre era in corso la sparatoria e che fu raggiunta in maniera casuale da uno dei colpi d’arma da fuoco che forò il cofano del bagagliaio (foto). Per fortuna la donna rimase illesa. L’autore della sparatoria, ovvero Giuseppe Russo, fu subito arrestato.

Il fatto si verificò nella zona del mercato dei fiori, dove l’imputato sparò numerosi colpi d’arma da fuoco contro i parenti del fidanzato di sua nipote. All’origine della sparatoria, come accennato, il rapporto tempestoso tra i due fidanzatini. La ragazza sarebbe stata da tempo maltrattata dal suo fidanzato, che avrebbe comunque tentato di coprire. Ma il suo volto che portava i segni dei maltrattamenti rappresentava però una prova tangibile che mise in allarme genitori e parenti della giovane che decisero quindi di dare una lezione al fidanzato, quest’ultimo a sua volta difeso dai propri familiari. Ne venne dunque fuori una rissa con relativa sparatoria il cui autore è stato ora condannato.