Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:42 - Lettori online 1152
VITTORIA - 06/04/2016
Cronache - Incidente autonomo nella tarda serata di ieri

Schianto in moto, muore un 23enne

La moto è stata sequestrata in attesa che si chiariscano le cause Foto Corrierediragusa.it

Un malore, una distrazione o un guasto meccanico? Saranno i rilievi e gli esami a chiarire l’esatta dinamica dell’incidente autonomo costato la vita martedì sera al 23enne di Vittoria Fabrizio Salerno (nel riquadro della foto della scena dell´incidente), molto noto in città in quanto gestore di un frequentato bar in centro. Il giovane, mentre percorreva la via Cancellieri in sella alla sua moto nuova fiammante acquistata appena qualche giorno fa, ha all´improvviso perso il controllo, andando a schiantarsi contro uno degli alberi che delimitano la strada. Dopo l´immediato allarme lanciato da quanti si erano accorti della tragedia, sono intervenuti subito i rianimatori del 118, che hanno tentato di tutto per tenere in vita il giovane, spirato di lì a poco a causa delle gravissime lesioni riportate nel violento impatto, in particolare un trauma cranico e toracico. La moto è stata sequestrata come da prassi in casi del genere. Numerosi i messaggi di cordoglio ed incredulità pervenuti alla famiglia dello sfortunato giovane, descritto come una persona cordiale e solare. E’ il secondo incidente mortale nel breve volgere di poche ore che si registra negli Iblei in questo primo scorcio di primavera dopo lo schianto tra tre auto di lunedì scorso a Modica, costato la vita alla maestra di matematica 58enne Rosaria Bravo, i cui funerali sono stati celebrati nella chiesa di San Giorgio. Presente alle esequie una folla commossa di parenti, amici, studenti ed ex alunni della maestra elementare che insegnava alla scuola Sant’Elena, nell’omonima contrada rurale modicana.