Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1173
VITTORIA - 29/02/2016
Cronache - Intervento della polizia per un furto di 540 euro

Una famiglia intera ruba vestiti in un negozio

Il nucleo familiare era di Comiso Foto Corrierediragusa.it

Quattro persone si rifanno il guardaroba in un grande negozio di abbigliamento di Vittoria, rubando tutti i capi di abbigliamento. Tutto sarebbe filato liscio se il più giovane del gruppo, un ragazzino di 14 anni, non fosse incappato nell´allarme suonato alle barriere antitaccheggio. Una delle cassiere si accorge che dal giubbotto indossato dal ragazzo pende la manica di un maglione bianco, quindi lo blocca ed il ragazzino tira fuori due camice, un maglione ed un giubbino. Si avvicina una donna adulta che dice alla cassiera «Ti prego mi viene da piangere, non chiamare nessuno» e rivolgendosi al ragazzo fa finta di redarguirlo: «Questa sera lo dico a tuo padre». Dal negozio decidono di lasciare cadere la cosa, ma, dopo la riconsegna della merce, si accorgono che è irrimediabilmente danneggiata nelle parti dove erano applicate le piastre antitaccheggio. Quindi gli addetti si precipitano fuori a cercare madre e figlio per ottenere il pagamento di quanto danneggiato. Li trovano in auto con altre due donne, una ragazzina ed una adulta. I negozianti chiamano la volante.

I poliziotti arrivano sul posto, controllano i camerini e trovano decine di placche antitaccheggio strappate dagli indumenti, chiedono quindi di vedere le immagini dell’impianto di videosorveglianza e da lì scoprono come il quartetto fosse ben organizzato. I quattro, dopo avere preso «possesso» di un camerino di prova un po’ defilato iniziavano un via vai dalle corsie che durava per 55 minuti. Poi, dopo che il ragazzo era stato scoperto, le altre complici erano uscire fuori con delle borse personali molto voluminose, bypassando l´allarme.

All’interno delle borse sono stati trovati quattro pantaloni, un giubbino, una giacca, due top donna, una felpa, tre cardigan, tre camicie, tre abiti ed una maglia da donna. Valore complessivo dei capi d’abbigliamento, 540 euro, tutti irrimediabilmente danneggiati nella parte dove era applicata la piastra di allarme.

I ladri sono stati identificati in T.A., 45 anni, R.K, madre dei due minori di 33 anni, ua ragazza di 14 anni, il fratello coetaneo, tutti italiani e residenti a Comiso. Sono stati denunciati in stato di libertà per furto aggravato alle rispettive competenti Procure della Repubblica, ordinaria e per i minorenni.