Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 990
VITTORIA - 27/01/2016
Cronache - Controlli della polizia in piazza Manin

Getta la droga nella fontanella pubblica: arrestato

Manette per un 39enne sorvegliato speciale Foto Corrierediragusa.it

Controlli della polizia in piazza Daniele Manin. Il luogo, com’è noto, è divenuto un centro di aggregazione di italiani e stranieri ed è particolarmente affollato durante il fine settimana. Nel passato sono stati registrati diversi interventi della Polizia Giudiziaria che ha represso fenomeni di spaccio di sostanze stupefacenti. E relativo allo spaccio di stupefacenti è l’episodio verificatosi la sera scorsa quando gli agenti hanno notato lo strano movimento di due soggetti, dei quali uno riconosciuto per essere un pregiudicato e sorvegliato speciale di pubblica sicurezza.
Il pregiudicato, alla vista dei poliziotti, con gesto repentino si è disfatto di ciò che teneva in mano, lasciando cadere un pacchetto all’interno della vasca di una fontanella, e ha cercato di dileguarsi. Immediatamente è stato raggiunto e bloccato dai poliziotti. L’involucro è stato recuperato, era un pacchetto di sigarette contenente al suo interno cinque stecchette di hashish del peso di circa dieci grammi. Perquisito l´uomo veniva trovato in possesso anche della somma di 195 euro in banconote di piccolo taglio.

La perquisizione dell’altro soggetto permetteva di rinvenire altre sei stecchette di hashish dello stesso peso all’incirca delle precedenti e la somma di 120 euro. Per questi motivi Naoufal Turky, 39enne tunisino (foto), pregiudicato per reati di spaccio e sorvegliato speciale, è stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e per violazione delle prescrizioni imposte dalla misura di prevenzione. L’altro soggetto, B.K., coetaneo, algerino, è stato denunciato in stato di libertà.