Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 649
VITTORIA - 20/08/2008
Cronache - Vittoria - Il violento episodio di via Messina nel ferragosto 2007

Sparatoria Scoglitti: il comune si costituisce parte civile

Meno di una settimana fa il blitz delle forze dell’ordine Foto Corrierediragusa.it

Un anno fa, la sparatoria di via Messina a Scoglitti. Oggi il comune ha deciso di cotituirsi parte civile, a distanza di qualche giorno dai controlli mirati eggettuati dalle forze dell´ordine per reprimere e prevenire.

E´ stato il sindaco Giuseppe Nicosia a prendere la decisione, in rispetto dei cittadini e dei poliziotti che rischiarono la vita.

All’incirca 10 gli agenti dei vari corpi, in divisa e in borghese, che qualche giorno fa hanno setacciato la zona. Controlli preventivi nati da imbeccate giuste di qualche residente e raccolte dall’amministrazione comunale, perché da tempo nella zona si notavano movimenti sospetti soprattutto nelle ore notturne, quando molti giovani non vanno a dormire per abbandonarsi a comportamenti dannosi per loro stessi e per altri.

L’anno scorso 3 balordi, forse un po’ fatti dall’alcol e da qualche sniffata, diedero luogo a una sparatoria fra migliaia di gente e tentarono di ammazzare due poliziotti fuori servizio, per fortuna senza colpirli. E Scoglitti finì sui giornali e televisioni, con danno d’immagine gravissimo.

Oggi quei 3 delinquenti, autori di rapine e di altri reati, sono tutti in carcere in attesa della condanna definitiva. Proprio un anno fa, sin dal momento del suo insediamento il questore Giuseppe Oddo promise il pugno duro contro ogni forma di sopraffazione. E i risultati non si sono fatti attendere. Il controllo preventivo sollecitato dall’amministrazione comunale e voluto dalla Questura è stato organizzato da una precedente riunione operativa tra i comandanti dei corpi citati, mira proprio a stroncare sul nascere ogni forma di delinquenza durante il periodo ferragostano. «Quella dell’altra sera- ha detto il tenente della Polizia municipale Carlo Lo Presti ? è la prima di una lunga serie di controlli a tappeto».

Oggi la decisione della giunta Nicosia di costituirsi parte civile per quel violento episodio che scosse l´intera provincia nel profondo.