Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1309
VITTORIA - 02/01/2016
Cronache - Una triste storia svelata da una telefonata anonima

Donna e neonato segregati in casa: un arresto

L’uomo si trova rinchiuso nel carcere di Ragusa Foto Corrierediragusa.it

Un sentimento reciproco trasformatosi ben presto in "amore" possessivo, se non addirittura morboso. E´ ciò che è accaduto tra una rumena e un tunisino. Quest´ultimo teneva segregata in casa la propria compagna di 18 anni, e il loro figlio di sei mesi, impedendo, con minacce e violenze alla giovane e al piccolo di uscire dalla loro abitazione, dove li lasciava chiusi a chiave dall´esterno. Per queste ragioni il tunisino di 38 anni, bracciante agricolo, è stato arrestato dai carabinieri di Vittoria per sequestro di persona, maltrattamenti in famiglia, percosse e minacce aggravate e continuate. L´uomo è stato condotto in carcere a Ragusa. Tra il tunisino e la rumena era nata un´attrazione reciproca poi trasformatasi in un incubo per la ragazza. Quest´ultima, come accennato, era di fatto segregata in casa, priva di uscire, dal momento che la porta era chiusa a chiave dall´esterno con un grosso lucchetto, e priva anche di affacciarsi dal balcone del secondo piano dello stabile sito in centro storico. I carabinieri, dopo essere stati informati della circostanza con una telefonata anonima, si sono recati sul posto facendo la scoperta. La donna e il bambino stanno bene. Il tunisino è stato invece rintracciato e arrestato nelle serre, dove stava lavorando.