Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 839
VITTORIA - 31/12/2015
Cronache - Operazione della guardia di finanza

Preparava pericolosi petardi nel garage

I manufatti preparati erano pericolosi per la pubblica incolumità Foto Corrierediragusa.it

I militari del comando provinciale di Ragusa della guardia di finanza hanno intensificato le misure di prevenzione e vigilanza tese a reprimere la deprecabile abitudine di fare esplodere in pubblico botti e petardi pericolosi per l’incolumità personale. In particolare, le fiamme gialle del nucleo di polizia tributaria, durante un’attività di controllo del territorio, hanno sorpreso un uomo, S.A., 63 anni, di Vittoria, mentre all’interno del suo garage era intento a confezionare pericolosissimi giochi pirotecnici. Nella rimessa sono stati rinvenuti quasi 200 chilogrammi di fuochi (oltre 700 pezzi), preparati artigianalmente e già pronti per la vendita. I prodotti pirotecnici sequestrati rientrano nella Categoria V - Gruppo «C» e «D», pertanto molto pericolosi perché aventi una potenzialità elevata.

I manufatti della V Categoria - Gruppo «C» (ad es. piccoli razzi, piccoli petardi, piccole combinazioni di tubi mono oggetto, piccoli sbruffi, ecc.) possono essere venduti solo da negozi con licenza di pubblica sicurezza, esclusivamente ai maggiori di anni 18, muniti di valido documento di identità.

Tra le raccomandazioni d’uso, al fine di scongiurare incidenti, si raccomanda la massima attenzione in considerazione del fatto che non si tratta di giocattoli e quindi vanno tenuti fuori della portata dei bambini.

L’operazione sottolinea la costante attenzione posta dal Corpo alla prevenzione e repressione di illeciti in materia di qualità e sicurezza dei beni e prodotti di consumo, finalizzata alla tutela della collettività e al regolare andamento del mercato.