Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 808
VITTORIA - 30/12/2015
Cronache - L’aggressore è stato denunciato dalla polizia

Padre e figlio pestati per 30 euro

Le vittime hanno riportato lesioni giudicate guaribili rispettivamente in sei e dieci giorni Foto Corrierediragusa.it

Quando una lite sfocia in coltellate: padre e figlio, rispettivamente di 45 e 22 anni, sono rimasti feriti. Il padre ha riportato contusione cranica, abrasioni al volto e il distacco di un’unghia della mano, mentre il figlio ha riportato contusione cranica facciale ed una ferita da arma da taglio al braccio sinistro. Tempestivo l’intervento delle volanti del commissariato di Vittoria, che, grazie alla segnalazione giunta al 113, si sono recate sul luogo del delitto soccorrendo ed identificando i feriti. L’aggressore era fuggito via da qualche minuto e contemporaneamente sono scattate le indagini volte alla sua identificazione che non si è dimostrata facile per il comprensibile stato d’animo dei feriti che inizialmente hanno fornito un racconto confuso della vicenda. Sembrerebbe, secondo la versione fornita da padre e figlio, che nel pomeriggio si fossero recati nell’abitazione di un loro conoscente per riscuotere un credito di 30 euro. Quest’ultimo evidentemente non era dello stesso parere ed anziché sborsare il denaro ha reagito violentemente a calci, pugni e bastonate. Poi avrebbe tirato fuori il coltello con cui ha ferito il più giovane delle due vittime. I poliziotti hanno quindi rintracciato l´aggressore: si tratta di un uomo di 25 anni con diversi precedenti penali per reati contro il patrimonio: l´uomo è stato denunciato in stato di libertà alla procura di Ragusa per lesioni personali aggravate dall’uso di un’arma da taglio. Le vittime, padre e figlio, hanno riportato lesioni giudicate guaribili rispettivamente in sei e dieci giorni.