Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1199
VITTORIA - 11/08/2008
Cronache - Vittoria? Banditi in azione alle 4 di pomeriggio in via Mazzini

Rapinati 23 mila euro sotto la minaccia di una pistola

La vittima, affiancata da due banditi a volto coperto, ha dovuto consegnare i soldi che stava andando a versare in banca Foto Corrierediragusa.it

Le modalità della rapina fanno pensare che i banditi conoscessero bene la vittima, il suo percorso e i soldi che custodiva nel borsello. 23 mila euro, né un centesimo in più né in meno, arraffati senza colpo ferire, alle 16 di ieri pomeriggio, in via Mazzini, quando quella cospicua parte di vittoriesi che non vogliono, non possono o non si possono permettere la vacanza nella settimana di Ferragosto, fanno la siesta pomeridiana.

Nell’ora più calda della giornata, due giovinastri a bordo di un ciclomotore, con il volto coperto dai caschi e sotto la minaccia di una pistola, hanno sottratto il borsello con 23 mila euro a un titolare di agenzia disbrigo pratiche e assicurazioni.

E’ stato un attimo, senza testimoni e più facile del previsto. I due banditi hanno affiancato il titolare dell’agenzia che viaggiava a bordo di un altro scooter e si stava recando presso la banca a versare i soldi contenuti nel borsello. I banditi hanno fatto parlare la canna della pistola puntata sul malcapitato per realizzare il colpo.

L’uomo non ha opposto resistenza, ha consegnato il borsello ed ha cambiato percorso: anziché in banca s’è recato presso la caserma dei Carabinieri di via Garibaldi, dove è arrivato in semi stato confusionale. L’unica consolazione, la sua attività è coperta da assicurazione.

I militari dell’Arma hanno avviato le indagini verso più direzioni. E’ probabile che i banditi siano due elementi locali e che conoscessero il tragitto del malcapitato e il contenuto del borsello. Altrimenti non si spiegherebbe una rapina così insolita: alle 4 di pomeriggio chi viaggia in motorino con 23 mila euro nel borsello?

Le indagini dei militari sono indirizzate verso le conoscenze del titolare dell’agenzia sita non molto distante dal posto dov’è avvenuta la rapina. Il grave episodio coglie di sorpresa le forze dell’Ordine, impegnate in questo periodo a controllare il territorio per fronteggiare l’ondata di furti nella case disabitate e abitate nella frazione di Scoglitti e di Vittoria.