Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 980
VITTORIA - 14/12/2015
Cronache - Le denunce sono state sei

Serrati controlli della polizia a Vittoria: 2 arresti

Nel mirino in particolare la via Cavour Foto Corrierediragusa.it

Serrati controlli della polizia a Vittoria, compresa la centralissima via Cavour, "salotto buono" della città ipparina (foto). Le manette sono scattate per Giuseppe Iacono, 31 anni, vittoriese, già raggiunto da ordinanza di custodia cautelare nel lontano 2004 e arrestato al culmine di un’attività d’indagine coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Catania, che aveva azzerato un sodalizio criminale composto in maggior parte da extracomunitari magrebini dedito allo spaccio di stupefacenti. Nel corso degli anni la giustizia ha fatto il suo corso e tra sentenze di primo e secondo grado è divenuta definitiva la condanna a quattro anni di reclusione e 18 mila euro di multa, oltre all’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni e la sospensione della patente di guida per due. Per questi motivi l’ufficio esecuzioni penali della corte di appello di Catania, riesaminando lo stato di esecuzione della pena, ha rilevato che risultano ancora da espiare poco più di 11 mesi di reclusione e pertanto ha disposto la cattura di Iacono perché sconti la pena residua in regime di detenzione domiciliare

L’altra persona arrestata è invece un rumeno di 30 anni, colpito da mandato d’arresto europeo emesso dalle autorità della Romania. L´uomo è stato quindi rinchiuso in carcere in attesa del provvedimento di estradizione nel suo paese. Le ricerche sono scaturite dalla condanna del tribunale romeno di Bacau che ha ritenuto l’uomo colpevole di guida senza patente e sotto l´effetto di alcol, infliggendogli la pena di un anno e sei mesi di reclusione.

Nel corso delle attività di controllo sono state denunciate in stato di libertà sei persone, quattro uomini e due donne, resesi in diversi contesti responsabili di reati quali minacce, ingiurie, appropriazione indebita ed altro.


salotto buono
15/12/2015 | 20.29.39
arlecchino

Menomale che è il "salotto buono"...