Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 965
VITTORIA - 07/08/2008
Cronache - Vittoria- Un’altra rissa tra due famiglie a Scoglitti

Bastonate per una grigliata,
3 feriti e 2 denunciati

C’era troppo fumo, questo il motivo della bagarre Foto Corrierediragusa.it

«Grigliata western» senza pistole tra due famiglie attigue che villeggiano alle porte di Scoglitti. Solo cazzotti e bastonate, quanto basta per finire all’infermeria ospedaliera ed essere denunciati alla Procura per il reato di gravi lesioni personali.

La notizia che ha coinvolto due famiglie molto note di Vittoria è rimasta ovattata per un paio di settimane, fino a quando la polizia non ha proceduto d’ufficio a denunciare alla Procura della Repubblica i due presunti aggressori: padre e figlio, G.B di 64 anni e P.B. di 43, commercianti.

Le vittime, 3 componenti di una stessa famiglia, sono andati a finire in ospedale per le bastonate che hanno provocato lesioni guaribili dai 10 ai 25 giorni. Uno dei feriti ha subito trauma cranico e infrazione della cartilagine nasale, un altro escoriazioni varie e un altro ancora trauma cranico e contusione toracica.

Delle tante liti per futili motivi che ci sono state a Vittoria in questa «pazza» estate, questa, riferiscono alcuni testimoni, è stata la più terrificante. Un miracolo che non ci sia scappato il morto. Tutto per colpa di una grigliata, di quelle che si fanno in allegria nelle calde serate d’estate e che finiscono annegate nel vino e nell’abbuffata d’anguria. Non c’è stato il tempo di sedersi a tavola, perché il fastidioso fumo della grigliata ha provocato la violenta rissa tra le due famiglie.

Secondo quanto riferito dalla Polizia, una delle vittime si sarebbe affacciata oltre il muretto basso che delimita le due abitazioni per invitare i vicini a non fare troppo fumo. Una prima volta con garbo, la seconda con più decisione? per la terza volta non c’è stato il tempo, perché dalle parole grosse si è passati alle mani e ai bastoni, con un coinvolgimento totale delle due famiglie. Quando la volante della polizia è arrivata la rissa era già finita, altrimenti sarebbero finiti tutti in manette, dicono al commissariato.