Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 689
VITTORIA - 28/09/2015
Cronache - La cocaina non veniva comunque spacciata in Sicilia

Traffico internazionale droga: arrestata famiglia Cilia

Operazione coordianta dalla direzione investigativa antimafia di Catania Foto Corrierediragusa.it

La cocaina viaggiava con i fiori lungo l’asse Colombia – Roma fino in Olanda dove veniva spacciata al minuto. E’ stato stroncato un traffico internazionale di droga nel quale erano tra gli altri coinvolti pure 3 vittoriesi: si tratta di Giovanni Cilia (foto), 61 anni, e dei figli Rosario ed Emanuele, di 35 e 40 anni, quest’ultimo residente a Roma. La cocaina viaggiava nei camion e nei furgoni di un’azienda florovivaistica, per coprire anche l’odore della droga ed eludere i controlli dei cani. L’organizzazione operava in ambito internazionale importando la droga dalla Colombia per destinarla in Olanda dopo aver fatto tappa a Roma grazie a ramificazioni estese non solo in Lazio, ma anche in Lombardia e Campania. La direzione distrettuale antimafia ha quindi emesso tre decreti di fermo d’indiziato di delitto per spaccio di cocaina a carico dei Cilia, prelevati nei rispettivi domicili. I Cilia, padre e figli, sono difesi dall´avvocato Giuseppe Di Stefano. Nell´ambito delle indagini è stato comunque accertato che la cocaina non veniva smerciata in Sicilia ma solo all´estero.