Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 887
VITTORIA - 23/09/2015
Cronache - Lo ha deciso il magistrato

Autopsia sulla salma di Dario Cognata per cause decesso

Poi potranno celebrarsi i funerali Foto Corrierediragusa.it

Si è resa necessaria l’autopsia per sgomberare il campo da dubbi sulle cause della morte di Dario Cognata (foto), il giovane vittoriese rimasto vittima di un incidente stradale e deceduto dopo 11 giorni di agonia al "Garibaldi" di Catania. Lo scontro tra auto e moto si era verificato lo scorso 7 settembre sulla Vittoria mare all’altezza della fontana 1° Maggio. Dario Cognata, in sella alla sua Kawasaki, si era scontrato con una Wolkswagen Passat con a bordo due tunisini mentre stava andando verso Vittoria. La Passat viaggiava in senso contrario diretta a Scoglitti e stava facendo la svolta a sinistra per entrare nel piazzale della fontana. Il giovane lavorava in un´azienda agricola di famiglia in contrada Randello. Lunedì scorso, su incarico del pubblico ministero del tribunale di Catania Iole Boscarino, il medico legale Giuseppe Ragazzi, alla presenza del dottore Giuseppe Algieri, medico legale nominato dalla famiglia del giovane, aveva eseguito l´ispezione cadaverica. Al termine dell’esame, il magistrato ha deciso di approfondire le cause del decesso, disponendo l’autopsia. In questo modo sarà stabilita con certezza la causa della morte.

La famiglia del giovane ha scelto, oltre al dottore Algieri, anche un altro medico legale, Domenico Morgante di Gela. Due sono gli avvocati dei familiari di Dario, Nunzio Schembari e Salvatore Citrella, il primo specializzato in infortunistica stradale, mentre il secondo è un penalista. Solo dopo l’esame autoptico, al quale potrebbero prendere parte i legali di eventuali persone iscritte sul registro degli indagati (trattandosi di un esame irripetibile), la salma potrà essere riconsegnata ai familiari per i funerali.