Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 673
VITTORIA - 29/07/2008
Cronache - Vittoria - Operazione della Guardia di Finanza

Come il dipendente comunale
ti evade il fisco, 9 denunciati

Per associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale Foto Corrierediragusa.it

Nove persone sono state denunciate dalla Guardia di Finanza per associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale. Tra di loro anche un dipendente comunale di Vittoria, di 50 anni, A.V. le iniziali, residente a Pedalino. Proprio quest’ultimo aveva creato un’impresa edile specializzata in lavori di ristrutturazione, che operava al 100% in nero, essendo l’indagato non in grado di poter emettere fattura, in quanto sprovvisto di partita Iva perché dipendente pubblico.

L’operazione delle fiamme gialle ha preso le mosse da una oculata attività di intelligence che ha permesso di acquisire, nei confronti dei soggetti indagati, elementi che presentavano un elevato indice di pericolosità fiscale.

Il dipendente del comune di Vittoria aveva posto in essere una vera e propria attività d’impresa sconosciuta al fisco, organizzata con beni strumentali e personale specializzato, operante nel settore dell’edilizia residenziale e specializzata nel rivestimento delle pareti esterne dei fabbricati.
Tale attività ha permesso ad A.V. di conseguire cospicui profitti, forte anche del fatto che, operando completamente «in nero», è stato in grado di proporre prezzi concorrenziali rispetto ai prezzi di mercato.

L’indagato ha potuto contare sulla compiacenza di alcuni titolari di imprese edili che si sono assunti «l’onere della fatturazione» , in quanto l’uomo, essendo dipendente pubblico, come accennato non era in grado di emettere alcun documento fiscale ai propri clienti. A loro volta le imprese, al fine di «compensare» le imposte derivante dall’emissione delle fatture di «favore», hanno utilizzato ai fini fiscali fatture passive relative ad acquisti di beni realmente effettuati da A.V.

Pertanto i finanzieri hanno denunziato all’autorità giudiziaria nove persone per il reato di associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale mediante l’emissione e l’ utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti.

Il risultato conseguito testimonia il continuo impegno profuso dalla Guardia di Finanza in materia di Polizia Economica Finanziaria, a tutela di quei cittadini onesti che talvolta vengono derubati dei propri guadagni per opera di soggetti che , incuranti di qualsiasi legge fiscale, inquinano il tessuto economico sano.