Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 665
VITTORIA - 31/07/2015
Cronache - Emessi altrettanti Daspo a carico delle persone coinvolte nel vergognoso episodio

VIDEO Denunciati dal questore i calciatori rissosi

La rissa si verificò nell’intervallo della partita nel tunnel degli spogliatoi lo scorso marzo Foto Corrierediragusa.it

Quindici persone tra calciatori ed addetti ai lavori delle società calcistiche di Vittoria e Paternò sono state denunciate all’autorità giudiziaria dal questore di Ragusa Giuseppe Gammino in riferimento alla vergognosa rissa che si verificò lo scorso 22 marzo nel tunnel degli spogliatoi nell’intervallo dopo i primi 45 minuti di partita tra le due squadre al campo sportivo di Vittoria (vi riproponiamo il video).



I 15 denunciati devono rispondere di rissa e violazione della normativa sulle manifestazioni sportive. A loro carico il questore ha altresì emesso i provvedimenti di divieto di accesso ai luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive per un periodo da uno a tre anni dalla data di notifica. Durante la rissa volarono pugni e calci tra i giocatori delle due squadre, di cui uno rimasto ferito assieme al magazziniere. Solo il tempestivo ed incisivo intervento della polizia di stato in servizio di ordine pubblico scongiurò conseguenze ben più gravi. La rissa fu documentata da un video registrato dalla telecamera di sorveglianza posta nel corridoio antistante gli spogliatoi. Ma la spinta decisiva alle indagini fu data dalle riprese video effettuate dalla polizia scientifica che ha documentato inconfutabilmente quanto accaduto, accertando le relative responsabilità di tutti i partecipanti alla rissa. Il questore ha quindi emesso il Daspo per 9 calciatori del Vittoria e per altri 4 del Paternò, oltre al magazziniere della squadra etnea. Dall’inizio del 2015 sono stati in totale 22 i soggetti (sia tifosi che calciatori o addetti ai lavori) che a vario titolo sono stati destinatari dei provvedimenti emessi dal questore di Ragusa che ha imposto il divieto di accesso ai luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive.