Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1296
VITTORIA - 28/06/2015
Cronache - Il pronto intervento degli agenti del commissariato è stato decisivo

VIDEO manette per il "ladro del buco"

L’uomo aveva praticato un foro nella parete divisoria tra il locale commerciale e una casa disabitata Foto Corrierediragusa.it

Due furti in meno di un mese nella stessa gioielleria, ma stavolta il «ladro del buco» è finito nel sacco. Il sorvegliato speciale vittoriese Salvatore Giacchi pensava di averla fatta franca, ma, dopo essere sgattaiolato in piena notte in strada con la refurtiva sottratta poco prima alla «Oro Inn» di via Cavour, il «salotto buono» di Vittoria, è stato «pizzicato» da una volante che lo ha subito riconosciuto.



L’uomo non ha potuto fare altro che ammettere le proprie responsabilità, visto che addosso aveva gli “attrezzi del mestiere”, nonché preziosi e orologi per migliaia di euro. I poliziotti hanno scoperto che Giacchi si era introdotto un una casa sfitta per praticare un foro nella parete divisoria tra i due stabili che gli aveva consentito di penetrare nella gioielleria senza fare scattare l’allarme. Ma, a colpo oramai ultimato in maniera indisturbata, la “sfortuna” ha voluto che la sua presenza in strada a quell’ora tarda non sfuggisse alla volante in servizio di perlustrazione, che ha subito bloccato il sorvegliato speciale. La proprietaria della gioielleria, che, come accennato, era stata derubata circa un mese prima, ha preso atto delle vetrine svuotate e del buco nella parete praticato dal ladro, per il quale sono scattate le manette in flagranza per furto aggravato. I poliziotti, coordinati dal dirigente Rosario Amarù, stanno indagando per capire se Giacchi abbia a che fare con il precedente furto nella gioielleria dello scorso 5 giugno. L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa.