Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1376
VITTORIA - 27/06/2015
Cronache - Manette dei carabinieri per il 30enne Samir Grami

Picchiò e rapinò connazionale: arrestato tunisino

Sono in fase di identificazione, grazie agli altri elementi acquisiti, anche gli altri due complici Foto Corrierediragusa.it

I carabinieri hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per rapina aggravata in concorso un tunisino con precedenti penali specifici, Samir Grami, 30 anni (foto). All’esito di una complessa attività d’indagine iniziata a seguito della denuncia presentata dalla parte offesa, un coltivatore di 33 anni, che agli inizi di maggio aveva subito una rapina perpetrata nei suoi confronti da tre presunti connazionali, durante la quale era stato malmenato con calci e pugni subendo lesioni all’occhio sinistro, fortunatamente non gravi, e gli era stato sottratto il marsupio contenente alcune centinaia di euro, i militari sono riusciti a dare un’identità al responsabile dell’efferato gesto e ad acquisire importanti elementi per chiudere il cerchio nei confronti degli altri due complici. In particolare, grazie alle testimonianze di alcune persone che avevano assistito all’episodio, confrontate accuratamente con i fotogrammi delle riprese di diversi sistemi di videosorveglianza della zona, sia di istituti pubblici che privati, i militari hanno delineato l’identikit del rapinatore.

Sono stati così organizzati diversi servizi a largo raggio in tutto il territorio della Compagnia di Vittoria, mediante i quali si è riusciti a localizzare in una zona di campagna il tunisino: è scattato così il fermo nei suoi confronti. Il tunisino è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa. Sono in fase di identificazione, grazie agli altri elementi acquisiti, anche gli altri due complici: le indagini, tuttora in corso, sono suscettibili di ulteriori sviluppi.