Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 890
VITTORIA - 27/06/2015
Cronache - Coinvolti anche 2 minori di 17 anni

Maxi rissa a Vittoria: 6 arresti e 2 denunce

Sequestrati bastoni, mazze da baseball e spranghe Foto Corrierediragusa.it

Sarebbe potuta finire in tragedia la rissa scoppiata all´alba in piazza Manin a Vittoria, che ha visto coinvolte ben 8 persone, tra cui due minorenni. Grazie al tempestivo intervento dei carabinieri la situazione è rientrata nella normalità: 6 le persone arrestate e 2 denunciate a piede libero. Diverse spranghe e mazze da baseball sottoposte a sequestro, utilizzate dai giovani per malmenarsi. Tutto è successo dopo una nottata trascorsa da un bar all’altro. Forse il troppo alcool ingurgitato e anche qualche parola di troppo hanno fatto agitare un gruppo di giovani tunisini, tra cui alcuni italiani, di età compresa tra i 17 e i 28 anni, che se le sono date di santa ragione. La situazione è poi ulteriormente degenerata quando uno del gruppetto ha estratto un coltello e ha ferito alla gamba un connazionale: i carabinieri, giunti in gran numero, oltre a far intervenire il personale del 118 per i soccorsi, sono riusciti a sedare gli animi e a disarmare tutti gli avventori, e, dopo aver ricostruito la dinamica dei fatti grazie anche ad alcuni testimoni, hanno tratto in arresto i 6 maggiorenni. Si tratta di Chaouch Mehdi, 19enne; Boussaada Mehdi, 19enne; Zid Zied, 27enne; Zid Brahim, 20enne; Gastrucci Erik, 18enne; El Azrak Maher, 22enne. Denunciati a piede libero alla procura per i minorenni di Catania due 17enni, C.A. e K.A.

Tutti i giovani sono stati medicati dal personale del 118 e giudicati guaribili con prognosi da 3 a 8 giorni, avendo riportato ferite da taglio, contusioni ed escoriazioni agli arti superiori e inferiori, e al volto. Al termine delle formalità di rito, i 6 sono stati sottoposti agli arresti domiciliari a disposizione del pm Valentina Botti, dinanzi alla quale dovranno rispondere di rissa aggravata e lesioni personali aggravate, nonché di porto di oggetti atti ad offendere.