Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 609
VITTORIA - 26/03/2015
Cronache - Il giovane è stato minacciato con un coltello puntato alla gola

VIDEO Un uomo stuprato da 3 rumeni

Le manette sono scattate ad opera dei carabinieri Foto Corrierediragusa.it

In compagnia di due complici ancora ricercati, un rumeno si fa dare un passaggio in auto da un 22enne vittoriese e, dopo essersi fatto condurre in un posto isolato nelle campagne dell’Ipparino, tra Vittoria e Comiso, lo picchia, lo stupra e, sotto la minaccia di un coltello puntato alla gola, lo rapina di contante e smartphone.



Il fatto risale allo scorso ottobre quando il giovane, ancora sotto shock, aveva trovato la forza e il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri. Ora, a distanza di circa cinque mesi dall’episodio, i militari hanno arrestato il rumeno Drejoi Florin, 28 anni, ritenuto responsabile, in concorso con altri due individui non ancora identificati, dei reati di sequestro di persona, violenza sessuale aggravata e rapina in concorso. Le indagini sono iniziate dopo l’incredibile racconto della vittima, che, come accennato, aveva dato un passaggio con la propria auto a tre individui, che, brandendo un coltellino a serramanico, lo avevano costretto a dirigersi in una zona di campagna della frazione di Pedalino, dove avevano abusato di lui, derubandolo del denaro e del telefono cellulare. Immediatamente i carabinieri della stazione di Vittoria, dove il ragazzo si era recato per denunciare tutto, hanno raccolto numerose testimonianze della stessa vittima e di altre persone risalendo, dopo una ventina di settimane di indagini fitte, al rumeno finito in manette. I suoi due complici, come accennato, sono invece ricercati ma sarebbe questione di ore prima che i carabinieri acciuffino pure loro inchiodandoli alle rispettive responsabilità.