Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 282
VITTORIA - 13/03/2015
Cronache - La sparatoria del 13 maggio del 2009

Sei condanne per il tentato omicidio di Giuseppe Doilo

Tutto sarebbe nato da una lite per il controllo del mercato dei video giochi e delle macchinette del caffè Foto Corrierediragusa.it

Sei persone sono state condannate dal gup di Ragusa Giovanni Giampiccolo a conclusione del processo per la sparatoria del 13 maggio del 2009 a Vittoria all’intersezione tra via Vicenza e via Alessandria. Rosario D’Agosta, 61 anni, e Salvatore D’Agosta, sono stati condannati a 5 anni di reclusione, con la concessione delle attenuanti generiche, per tentato omicidio (il pm Gaetano Scollo aveva chiesto 8 anni), il secondo è stato condannato a 400 euro di multa. Massimiliano Avola, 38 anni, è stato condannato a 200 euro di multa per rissa (l’accusa aveva chiesto 6 mesi); Giovanni Cirmi, 33 anni, ad un anno di reclusione e 3 mila euro di multa (il pm aveva chiesto 30 mesi); Giuseppe Doilo, 32 anni, a 6 mesi di reclusione (un anno la richiesta del pm); Vincenzo Latino, 44 anni, a 10 mesi di reclusione (il pm aveva chiesto 18 mesi). Il bersaglio di quel giorno era Giuseppe Doilo (foto), 38 anni, pluripregiudicato, all’epoca sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. Grazie proprio alla vittima Doilo, che aveva deciso di collaborare con la giustizia, i fatti sono stati chiariti a distanza di cinque anni facendo scattare le indagini.

Tutto sarebbe nato da una lite per il controllo del mercato dei video giochi e delle macchinette del caffè a Vittoria. Tutti gli imputati erano accusati di rissa in cui Doilo aveva riportato lesioni a causa di due ferite da arma da fuoco, al gluteo sinistro ed al terzo dito della mano sinistra, gauribili in 30 giorni; Doilo e Latino, rispondevano di inosseravanza alla sorveglianza speciale; Cirmi di detenzione di una pistola e di violazione alla sorveglianza speciale.