Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 852
VITTORIA - 07/03/2015
Cronache - Un altro caso di stalking senza motivi nel vittoriese

Arriva a casa, si ubriaca e riempie di botte la compagna

Provvedimento cautelare per un romeno di 33 anni che non può avvicinarsi nei luoghi frequentati dalla compagna alla quale ha procurato ferite guaribili in 42 giorni di prognosi
Foto CorrierediRagusa.it

Un’altra squallida storia di violenza gratuita sulle donne alla vigilia della festa della donna. Giudicata guaribile in 42 giorni di prognosi (salvo complicazioni) dal politrauma che gli ha provocato il «compagno» romeno col quale intrattiene una relazione sentimentale da 2 anni. Amore violento, ancora più violento se stimolato dalla birra, dal vino e dallo spumante. Durante l’ultima razione di botte, la sventurata è finita in ospedale a Vittoria. Aveva i connotati completamente cambiati dalle percosse a base di calci e pugni ricevute in ogni parte del corpo dal compagno di 33 anni, B.M.S., bracciante agricolo col vezzo di tornare a casa dal lavoro sobrio, per poi cominciare a bere e a sfogare gli istinti bestiali contro la sua donna in una casa rurale di contrada Salmè.

E’ successo varie volte nei due anni di convivenza, senza che lei sentisse il dovere di sporgere denuncia, come non fanno mai le donne romene sottomesse dall’uomo per tradizione. La settimana scorsa la donna è giunta in ospedale irriconoscibile, dopo che l’uomo l’aveva afferrata e trascinata per i capelli fino a farle sbattere la testa contro lo spigolo del tavolo. I medici del «Guzzardi» hanno riscontrato lesioni personali consistenti in trauma cranico con ferite lacero contuse, contusione del massiccio facciale, contusione toracica e addominale chiusa, contusione agli arti superiori) guaribili in 42 giorni. Nessuna denuncia della donna, ma la Polizia, informata dal personale del Pronto soccorso, ha indagato fino a inchiodare il romeno picchiatore di fronte alle sue responsabilità.

E’ stato denunciato all’Autorità giudiziaria e la conclusione delle indagini condotte dagli uomini del Commissariato di Vittoria, coordinati dal sostituto procuratore Monica Monego, ha indotto il gip Claudio Maggioni a firmare nei confronti del romeno un’ordinanza di misura cautelare consistente nell’allontanamento dalla casa familiare. Significa che B.M.S. non potrà neanche avvicinarsi nei luoghi frequentati dalla compagna senza preventiva autorizzazione del giudice. Contestata all’uomo anche la mancata assistenza alla compagna dopo le botte e il rifiuto di andarle a comprare farmaci necessari.

Quanto accaduto, secondo il gip Maggioni rientra nel reato di «maltrattamenti in famiglia poiché gli atti di vessazione continua hanno cagionato sofferenza, privazioni ed umiliazioni, fonte di un disagio continuo ed incompatibili con le normali condizioni di vita e poi le lesioni personali aggravate avendo provocato alla donna conseguenze fisiche gravi». Insomma, un vero e proprio caso di stalking.