Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 492
VITTORIA - 22/12/2014
Cronache - Tanta paura ma nessuna conseguenza per gli automobilisti in transito

Lanci di bottiglie contro le auto a Vittoria

Una macchina non è stata colpita perché il conducente con una frenata ha schivato la bottiglia lanciata dalla parte sinistra Foto Corrierediragusa.it

Ubriaco, pazzo o teppista? Chi è stato a lanciare la notte scorsa, intorno alle 2 meno un quarto, bottiglie di birra vuote all’indirizzo di macchine in transito nei pressi del campo sportivo di Vittoria? Un gesto sconsiderato che avrebbe potuto provocare anche una tragedia, un po’ come quella causata dal lancio di pietre dai cavalcavia. Gli episodi, almeno un paio, la notte tra sabato e domenica, sono stati segnalati ai Carabinieri di Vittoria. Il punto esatto, dopo il bar Esso, quasi davanti la porta d’ingresso dello stadio di calcio, all’altezza della Banca agricola popolare. Un giovane automobilista ha raccontato di avere avuto la prontezza di rallentare la marcia alla vista di una bottiglia lanciata dalla parte dello stadio attraversare la strada proprio mentre sopraggiungeva la macchina. Una frenata che ha evitato l’impatto e chissà altro.

Pare che dopo il primo episodio ne sia seguito un altro con la stessa modalità. Incredibile e pazzesco, quanto accaduto, che pone interrogativi preoccupanti. Chi può compiere atti di inaudita pericolosità, in piena notte, contro macchine in transito, col rischio di provocare danni enormi. Ci saranno indagini. Sarebbe il caso di visionare eventuali immagini di videosorveglianza (se ce ne sono in quel punto) per identificare i responsabili e stroncare sul nascere un brutto fenomeno criminale che tanti dolori ha provocato in passato in diverse parti d’Italia.