Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1076
VITTORIA - 21/12/2014
Cronache - In servizio al "Civico" di Palermo, furono rinviati a giudizio nel giugno 2011

Condannati 2 medici per la morte di Dario Bizzarra

Si sono registrate altettante assoluzioni Foto Corrierediragusa.it

È finito con 2 condanne per omicidio colposo e 2 assoluzioni per non aver commesso il fatto il processo a carico di 4 medici dell’ospedale Civico di Palermo rinviati a giudizio nel giugno 2011. Secondo l’accusa erano i responsabili della morte di Dario Bizzarra, un ragazzo di Vittoria di 27 anni, deceduto il 26 gennaio del 2009 dopo essere stato trasportato nel nosocomio del capoluogo siciliano per le gravi ustioni subite in seguito ad un’aggressione. Secondo la Procura di Palermo, i medici rianimatori Giulio Sparacino e Salvatrice Matranga non avrebbero eseguito la corretta procedura per l’incannulamento del paziente ma sono stati assolti dal giudice unico del Tribunale, Monica Sammartino mentre la sentenza di condanna è stata emessa ai danni dei dottori del centro ustioni Pietro Cucchiara e Nicolò D’Arpa accusati di non avere controllato adeguatamente le condizioni del ragazzo che sarebbero precipitate nel giro di pochissimo tempo. Il dottor Cocchiara è stato condannato a nove mesi di reclusione mentre il dottor D’Arpa a quattro mesi con la concessione delle attenuanti gereniche. La pena è stata sospesa per entrambi.

Entrambi, inoltre, dovranno risarcire le parti civili, rappresentate dagli avvocati Matteo Anzalone e Nicola Scibilia. La somma sarà determinata successivamente, in sede civile, ma il Giudice ha previsto una provvisionale, in favore dei genitori, di 125 mila euro ciascuno (per un totale di 250 mila euro) e di 50 mila ciascuno per i due fratelli e la sorella di 50 (per un totale di altre 150 mila euro).