Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1239
VITTORIA - 16/12/2014
Cronache - Manette per il 28enne Alessandro Giannone

Ladro arrestato in flagranza da un carabiniere

Il complice è riuscito a fuggire, ma ha le ore contate Foto Corrierediragusa.it

Stava rientrando a casa dopo aver concluso la sua giornata di lavoro quando, nel tardo pomeriggio di lunedì, all’altezza di via Brescia, a Vittoria, un maresciallo dei Carabinieri, in servizio al locale Comando di Compagnia, ha notato uno strano movimento vicino ad un’abitazione privata. Insospettito, ha accostato la propria autovettura e si è avvicinato quanto basta per non destare sospetti, ma nel contempo per poter osservare meglio il comportamento di un giovane che continuava a guardarsi intorno e a fare cenni verso il balcone dell’appartamento. Non appena il militare ha visto che dal balcone è uscito un altro uomo che indicava al ragazzo di salire su, non ci ha pensato due volte, ed è piombato addosso al giovane, bloccandolo, mentre l’altro complice gettandosi dal balcone è riuscito a fuggire. Nel frattempo una pattuglia si è subito messa alla ricerca del fuggitivo che aveva fatto perdere le proprie tracce dileguandosi per le vie limitrofe.

La proprietaria dell’appartamento, accortasi che aveva i ladri nell’abitazione, si è messa ad urlare dal balcone cercando di attirare l’attenzione dei passanti: è stata subito confortata dalla presenza dei Carabinieri che, oltre a comunicarle l’immediato arresto del ragazzo, hanno anche constatato che si trattava di un tentativo di furto. Grazie al tempestivo intervento del militare, i ladri non hanno fatto in tempo a portare via nulla dalla casa.

Le manette sono quindi scattate per il 28enne Alessandro Giannone (foto), già noto per reati vari e con precedenti penali specifici. Al giovane, accusato di tentato furto aggravato in concorso, sono stati concessi i domiciliari. Grazie ai filmati delle telecamere di sorveglianza di alcuni istituti pubblici e privati della zona, e alle indicazioni fornite da alcuni passanti che avrebbero assistito al movimento nei pressi dell’abitazione, i Carabinieri sono già riusciti ad acquisire utili e validi spunti investigativi per assicurare alla giustizia anche l’altro complice fuggito: le indagini sono suscettibili di ulteriori sviluppi.