Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 785
VITTORIA - 14/12/2014
Cronache - Il fatto di sangue è avvenuto poche decine di minuti fa nel salotto buono della città

Omicidio di stampo mafioso in via Roma a Vittoria: colpi di pistola sparati da 2 sicari contro Michele Brandimarte, calabrese di 53 anni

I killer subito scappati indisturbati approfittando del panico e del fuggi fuggi generale Foto Corrierediragusa.it

Omicidio in pieno centro a Vittoria: colpi di pistola sono stati sparati da 2 sicari contro un uomo morto sul colpo in via Roma, angolo via Carlo Alberto, nei pressi di via Cavour. Si tratta di Michele Brandimarte, 53 anni, originario di Gioia Tauro, in Calabria, e già noto per reati specifici anche gravi. Cosa ci facesse a Vittoria non è ancora chiaro, e forse i motivi della sua presenza hanno a che vedere con il suo omicidio. La vittima stava passeggiando insieme ad altre persone per il salotto buono della città addobbato per le festività natalizie quando è stato raggiunto dai colpi di pistola sparati dai 2 killer, che sono subito scappati indisturbati in sella ad un motorino approfittando del panico e del fuggi fuggi generale. Vista la precisione e la freddezza degli assassini, che non hanno concesso scampo alla vittima designata, è certo che si tratti di professionisti. I due si sono accostati in motorino alla vittima, uno dei sicari è sceso dal motorino mentre l´altro restava in sella col motore acceso, e ha sparato a bruciapelo almeno 4 colpi di pistola che hanno raggiunto la vittima alla testa e alla schiena.

Poi il sicario è saltato in sella al motorino e il suo complice ha dato gas mentre le gente correva e urlava in preda al panico. A passeggiare pure interi nuclei familiari con bambini al seguito. Un fatto di inaudita gravità, quasi da far-west. Solo per un caso fortuito non ci sono andate di mezzo persone innocenti.

Per la vittima non c´è stato invece nulla da fare. I proiettili lo hanno raggiunto in punti vitali. Per fortuna invece che, come accennato, non c´è stato nessun ferito, ma solo tanta comprensibile paura. Indagano i carabinieri, che, viste le modalità del delitto, privilegiano la pista dell´omicidio di stampo mafioso.

In questi minuti sono in corso i rilievi sulla scena del crimine. Il cadavere è stato coperto con un telo. I militari stanno cercando di raccogliere quante più testimonianze possibili sul posto che potrebbero rivelarsi utili alle indagini.