Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 940
VITTORIA - 26/11/2014
Cronache - Panico fra gli automobilisti e i pedoni

Inseguimento tra polizia e 2 fuggitivi

Gli agenti hanno avuto la meglio e i due sono stati ammanettati Foto Corrierediragusa.it

Scene da film per le vie di Vittoria ieri pomeriggio. Un lungo inseguimento della Polizia si è concluso con l’arresto di due persone, un vittoriese e un romeno, che si erano dati a precipitosa fuga alla vista della volante della polizia. Hanno creato il panico fra gli automobilisti e i pedoni che incontravano, ed hanno messo a repentaglio anche l’incolumità di due bambini che erano sul sedile posteriore della vettura. I bambini sono figli del romeno, il piccolo ha quattro anni, il grande sei. Protagonisti della bravata, Carmelo Puccia, 32 anni, nato in Germania e residente a Vittoria, con precedenti di Polizia, e Florin Sandu (da sx nella foto), romeno di 29 anni, anche lui con precedenti di polizia. Erano a bordo di un’auto che ai poliziotti è sembrata sospetta, tant’è che il conducente della vettura ha invertito la marcia in zona Emaia per darsi alla fuga in direzione Santa Croce. Nei pressi del cimitero i due hanno imboccato una strada sterrata, abbandonato la macchina e fuggiti a piedi in mezzo ai rovi. Incredibile la scena che hanno visto i poliziotti che inseguivano. Con loro, anche due bambini presi in braccio, i figli del romeno.

Gli agenti hanno avuto la meglio e i due sono stati ammanettati. L’auto sulla quale viaggiavano era stata radiata perché importata all’estero, le targhe provenienti da auto già confiscata dallo Stato. I due sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione. Puccia anche per porto abusivo di arma da taglio. Come disposto dall’autorità giudiziaria, sono stati condotti presso le loro abitazioni dove rimarranno agli arresti domiciliari. I bambini sono stati affidati alla mamma, una romena di 28 anni.