Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1010
VITTORIA - 06/11/2014
Cronache - Alle 14,00 una colonna di fumo nero ha attirato l’attenzione della polizia

Incendio distrugge 100 auto in custodia

Difficile le operazioni di spegnimento condotte dai Vigili del fuoco di Vittoria, Ragusa e Santa Croce. Probabile l’origine dolosa
Foto CorrierediRagusa.it

La ditta «Nonsoloauto» di nuovo nel mirino di ignoti piromani? E per quale motivo? Quanto avvenuto è inquietante. Il deposito di autovetture di contrada Boscopiano ha subito un altro grosso incendio che ha provocato la distruzione di 100 macchine sequestrate per vari motivi e tenute in custodia giudiziale dal titolare della ditta Giuseppe Cavaleri, una brava persona che da anni svolge questo lavoro e che continua a subire attentati a ripetizione. I danni, come detto, sono ingenti. Oltre a buona parte della struttura lo scoppio di bombole di gas ha mandato a fuoco numerose autovetture che erano custodite nel deposito di contrada Boscopiano.

Le indagini sono condotte dalla Polizia di Stato. Per avere ragione delle fiamme favorite dal forte vento (che hanno sprigionato una densa colonna di fumo nero, nella foto), sono intervenuti i Vigili del fuoco di Vittoria, Santa Croce Camerina, Ragusa e anche tecnici del Comune di Vittoria. Per fortuna, nessun ferito.

Sulla natura dell’incendio non si sbilancia ancora nessuno, ma se non ci fosse stato il precedente del 28 gennaio 2012, quando in piena notte vennero bruciate 16 macchine e due carri attrezzi, sarebbe più facile ipotizzare il rogo accidentale o il classico «corto circuito». Gli inquietanti episodi passati, purtroppo, autorizzano, salvo smentite dagli specialisti della Scientifica, l´ipotesi dell’incendio doloso legato all’attività della ditta.