Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 780
VITTORIA - 26/09/2014
Cronache - Sono ritenuti appartenenti alla famiglia mafiosa legata a "Cosa Nostra"

Dieci anni di carcere ai fratelli Piscopo

Il reato si consumò nel dicembre del 2012 quando un Fiat Iveco Daily fu rubato ad un agricoltore comisano Foto Corrierediragusa.it

Cinque anni di reclusione ciascuno per i due fratelli vittoriesi, Carlo e Marco Piscopo (foto), 42 e 32 anni, ritenuti appartenenti alla famiglia mafiosa legata a "Cosa Nostra". Il tribunale di Ragusa, Ignacolo presidente, Schininà e Infarinato a latere, ha riconosciuto i due fratelli colpevoli di estorsione continuata in concorso. Il Pm, Marco Rota, aveva chiesto la condanna a sei anni e 9 mesi di reclusione. Il reato si consumò nel dicembre del 2012 quando un Fiat Iveco Daily fu rubato ad un agricoltore comisano. Questi si rivolse ai due fratelli per cercare di rientrare in possesso del mezzo ed aveva versato 700 euro anche se la richiesta dei due fratelli Piscopo arrivava a 2mila 300 euro.

Il proprietario del mezzo non aveva presentato denuncia perchè, ha sostenuto davanti alla Polizia, non ricordava il numero di targa. Fatto sta che l´agricoltore ritrovò poco dopo il suo Daily con le chiavi nel cruscotto. I due fratelli Piscopo hanno sempre sostenuto che fu l´agricoltore a rivolgersi a loro per rientrare in possesso dell´autocarro.