Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1529
VITTORIA - 22/09/2014
Cronache - I controlli del fine settimana

Un arresto per droga e 5 denunce dei carabinieri

Passato al setaccio l’intero territorio ipparino e non solo Foto Corrierediragusa.it

Arrestato dai carabinieri a Comiso mentre cedeva della marijuana a due giovani del luogo in via Matrice il 21enne pregiudicato rumeno Codreanu Marian Lucian. I militari hanno recuperato 28 dosi di «erba», per un totale di quasi 40 grammi, che il giovane teneva nascoste nei calzini e nei pantaloni che indossava, e 30 euro ritenuti provento dell’attività di spaccio. I due giovani assuntori, dileguatisi per le vie di Comiso con un motorino, sono in fase di rintraccio grazie ai filmati delle telecamere di videosorveglianza che hanno ripreso anche la targa del ciclomotore. Il rumeno, al termine delle formalità di rito, e visto i precedenti specifici sempre in materia di droga, è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa.

Sempre nell’ambito dei servizi di repressione dello spaccio di droga, i Carabinieri della Stazione di Chiaramonte Gulfi, in località Roccazzo, hanno sorpreso il pregiudicato C.D., 21enne, coltivare nel giardino della propria abitazione due piante di cannabis, alte circa un metro e 40. Il giovane è stato denunciato in stato di libertà e dovrà rispondere dinanzi all’Autorità Giudiziaria del reato di detenzione e coltivazione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Inoltre, nel corso del servizio dislocato nella città di Vittoria, i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria iblea N. D., 32enne incensurato rumeno, I. L., 42enne incensurata rumena e C. L., 43enne incensurata rumena, poiché sono stati sorpresi in contrada Resinè da una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile a trafugare oltre 150 chili di olive da un fondo agricolo privato; denunciato pure M. G., 24enne vittoriese, nullafacente, incensurato, poiché durante un posto di blocco è stato trovato alla guida di una Fiat Punto, mancante della copertura assicurativa e privo della patente di guida perchè mai conseguita. Gli stessi dovranno rispondere, ognuno per la parte di competenza, dei reati di furto, nonchè guida senza patente e mancanza copertura assicurativa.

CONTROLLI E DENUNCE PURE A RAGUSA E NON SOLO
A Ibla, tra la folla che gremiva largo San Domenico, i militari hanno notato un soggetto che s’aggirava con fare strano da solo tra la gente. Lo hanno fermato e identificato. Perquisitolo i carabinieri gli hanno trovato in tasca un coltello a serramanico con la lama di otto centimetri del quale il porto non era giustificabile in piazza a Ibla all’una di notte. Il coltello è stato sequestrato e il giovane, un 26enne ragusano già noto per reati specifici, è stato denunciato per porto d’oggetti atti ad offendere.

Nel frattempo in uno dei posti di controllo impiantati a cinturare il centro abitato di Santa Croce Camerina è incappato un 25enne incensurato alla guida di uno scooter. I militari hanno riscontrato in banca dati oltre al documento del giovane anche gli estremi di riconoscimento del mezzo, scoprendo che era oggetto di furto ai danni di un ragusano. Il mezzo è stato sequestrato e il giovane denunciato per ricettazione.

Un’autopattuglia è altresì dovuta intervenire lungo viale delle Americhe a Ragusa nei pressi del noto fast food per un principio di lite tra automobilisti. Proprio mentre transitavano i due militari hanno visto un tamponamento e notavano i due conducenti scendere e iniziare a gridare. Subito arrestavano il veicolo e intervenivano. Uno dei due, stretto dall’altro, forse per errore, forse per la non sufficiente larghezza della corsia, gli aveva toccato e divelto lo specchietto retrovisore con quello della propria auto. Ne era nato uno scambio di epiteti che era degenerato nel confronto fisico. Il provvidenziale intervento dei carabinieri ha evitato il peggio poiché i contendenti erano uno contro quattro e gli animi piuttosto riscaldati.