Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 978
VITTORIA - 12/09/2014
Cronache - Incessanti controlli

Sequestro di pesce della capitaneria di porto a Scoglitti

Al mercato ittico di Scoglitti Foto Corrierediragusa.it

I militari della capitaneria di porto di Pozzallo, congiuntamente con il personale del dipendente ufficio locale marittimo di Scoglitti, proseguendo l’attività di controllo sulla «filiera ittica», mirata al contrasto della cattura e vendita di novellame (esemplari di specie ittiche ancora allo stadio giovanile), hanno scoperto ed immediatamente sequestrato presso il mercato ittico di Scoglitti 24 cassette contenenti esemplari di triglia e nasello sottomisura, per un quantitativo complessivo di circa 120 chili. Durante l’attivita’ esperita, i militari della guardia costiera rinvenivano, abilmente occultati in diverse zone del mercato, i prodotti ittici sottomisura rispetto alla lunghezza minima consentita per la cattura e la commercializzazione prevista dalla vigente normativa di settore (11 cm per la triglia, e 15 cm per il nasello) e provvedevano, quindi, ad informare immediatamente la competente autorità giudiziaria, che autorizzava il contestuale sequestro dei prodotti ittici illecitamente catturati e messi in vendita.

Il pescato, previo assenso del medico del servizio veterinario dell’asp n° 7 di ragusa, che lo ha dichiarato «idoneo al consumo umano», e’ stato quindi donato in benificienza ad alcuni istituti religiosi locali.

L’intervento operato va a sommarsi agli altri numerosi controlli effettuati dalla capitaneria di porto sull’intera «filiera ittica», al fine di garantire il rispetto delle norme vigenti, sia in un’ottica di tutela dell’attività’ svolta dai pescatori professionisti rispettosi delle normative di settore, sia per reprimere quelle attività illecite che danneggiano ed impoveriscono le risorse ittiche del mare ibleo.