Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 817
VITTORIA - 17/08/2014
Cronache - Tipu Sultan, 30 anni circa, è stato trovato privo di vita in contrada Resinè

Un giovane cittadino del Bangladesh ammazzato a coltellate nelle campagne di Vittoria. Assassino ignoto, l´arma non c´è

La lama è entrata nel torace all’altezza del cuore, non concedendo scampo all’uomo Foto Corrierediragusa.it

Omicidio nel pomeriggio a Vittoria. In contrada Resinè (nella foto il luogo del crimine), territorio agricolo quasi a metà strada fra il centro abitato e la frazione di Scoglitti, un cittadino del Bangladesh è stato ammazzato a coltellate. Del fatto si stanno occupando i Carabinieri e il sostituto procuratore della Repubblica Federica Messina. La lama è entrata nel torace all’altezza del cuore. La vittima, come detto, è un cittadino del Bangladesh, Tipu Sultan, all’incirca 30enne. I militari dell’Arma, collaborati dalla Sezione Scientifica, hanno dovuto faticare prima di identificare la vittima anche grazie all´ausilio della sezione Scientifica. Il magistrato ha chiesto di fare riaprire il cimitero in modo da trasportare la vittima all’obitorio.

Un caso ancora avvolto nel mistero. Fino a tarda sera, bocche cucite nella caserma di via Garibaldi. Il capitano Francesco Soricelli, che dal prossimo primo settembre andrà a comandare la Compagnia di Reggio Calabria, non rilascia al momento nessuna dichiarazione. Anche perché non ci sono elementi utili a fare imboccare la pista giusta che porti, al movente e all’assassino.

Non è escluso che, considerato il posto dove si è verificato, si tratti un omicidio legato all’attività agricola che gli stranieri svolgono nelle campagne del vittoriese. I motivi che hanno causato il grave episodio di sangue si sconoscono, ma in questi casi si pensa sempre a rapporti di lavoro deteriorati, motivi di donne oppure un regolamento di conti a seguito di una discussione sfociata nelle coltellate e nell’omicidio.