Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:10 - Lettori online 887
VITTORIA - 07/07/2014
Cronache - E’ accaduto tra la mezzanotte e l’una della scorsa notte in contrada Zafaglione

Scontro mortale auto moto a Scoglitti

La moto e l’auto sono state poste sotto sequestro, come da prassi in casi del genere Foto Corrierediragusa.it

Scontro mortale auto – moto nella notte in contrada Zafaglione, a Scoglitti. A perdere la vita il 27enne di Acate Alessandro Gatto (foto), sbalzato via dalla sua moto di grossa cilindrata dopo il tremendo impatto con la «Fiat Punto» condotta dal vittoriese G.S., 19 anni, che se l’è cavata con un grosso spavento e una prognosi di 3 giorni per escoriazioni varie. Non altrettanto fortunato il centauro, morto prima dell’arrivo in ospedale. L’incidente si è verificato tra mezzanotte e l’una della scorsa notte. La dinamica dell’incidente è al vaglio della polizia locale, supportata dagli agenti del commissariato di Vittoria.

Si esclude che i due conducenti dei veicoli fossero in stato di alterazione psicofisica: in altre parole, erano del tutto sobri. Alessandro Gatto era un giovane tranquillo e molto conosciuto nella sua cittadina, rimasta attonita dal tragico evento. La moto e l´auto sono state poste sotto sequestro, come da prassi in casi del genere.


Per Asmodeo
07/07/2014 | 20.06.11
Gianni

Ma che dici?! se è per questo ci sono piu´ morti in auto che in moto, e comunque e´ il buonsenso e la prudenza a salvare la vita. Il povero motociclista aveva 27 anni, eta´ alla quale poco o niente possono fare i genitori. Non sparare cavolate a vuoto. Condoglianze alla famiglia di Alessandro.


continua la strage
07/07/2014 | 12.36.49
asmodeo

Quanti ne devono morire prima che si capisca che la motocicletta è l´anticamera della bara? I genitori non vogliono capirlo.