Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 708
VITTORIA - 01/07/2014
Cronache - Si tratta di un uomo di 36 anni e della moglie di 39, incensurati

Lasciano il figlioletto in auto per fare la passeggiata

Contestuale segnalazione all’ufficio servizi sociali del comune di Vittoria per l’adozione di idonei provvedimenti a tutela del minore Foto Corrierediragusa.it

Hanno lasciato il proprio figlio di appena 8 anni addormentato all’interno della propria autovettura per andarsi a fare una passeggiata. E’ quanto accertato dai carabinieri, che, a seguito di alcune segnalazioni al 112 da parte di alcuni cittadini, sono intervenuti nella frazione di Scoglitti. Verso mezzanotte, i militari rinvenivano effettivamente all’interno di una Renault Megane un bambino in lacrime. Immediatamente i carabinieri tranquillizzavano il bambino, il quale, oltre a riferire le proprie generalità, diceva di non sapere dove fossero i propri genitori, essendosi addormentato in macchina. Da un controllo nelle adiacenze i militari non notavano la presenza dei genitori. Solo dopo una serie di tentativi telefonici, dopo circa mezz’ora arrivavano padre e madre, giustificando quanto accaduto con il fatto che ogni tanto lo andavano a controllare in auto.

Alla luce di quanto accertato, i due coniugi di 36 e 39 anni, residenti a Vittoria ed incensurati, venivano denunciati in stato di libertà alla procura per rispondere del reato di abbandono di minori, con la contestuale segnalazione all’ufficio servizi sociali del comune di Vittoria per l’adozione di idonei provvedimenti a tutela del minore.

Già il mese scorso, i Carabinieri della Stazione di Acate, dopo una serie di segnalazioni da parte di alcuni cittadini, avevano deferito in stato di libertà due coniugi, un tunisino di 32 anni ed una rumena di 23, residenti in contrada Macconi, poiché ritenuti responsabili di aver, in più circostanze di luogo e di tempo, abbandonato la figlioletta di appena 3 anni.