Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 669
VITTORIA - 13/06/2014
Cronache - I 5 giovani erano a bordo dell’auto rubata parcheggiata a fari spenti

Ladri di "Panda" arrestati dai carabinieri

Ai maggiorenni sono stati concessi i domiciliari, i minorenni sono stati condotti al Centro di Prima Accoglienza Foto Corrierediragusa.it

Quella «Fiat Panda» parcheggiata a fari spenti in via Mediterraneo ha insospettito i carabinieri in servizio di controllo a Scoglitti. Il conducente, identificato in Giovanni Bocchieri, vittoriese di 20 anni, già conosciuto agli uffici per reati simili, dichiarava di non avere con sé la documentazione della vettura, in quanto la stessa, a suo dire, era di proprietà del proprio nonno. Un’attenta ispezione all’interno dell’abitacolo del veicolo, permetteva di constatare ai militari che sebbene il veicolo si trovasse ancora in moto, mancava la chiave di accensione. Nello specifico si accertava che i fili posti sotto il volante di pertinenza del blocchetto d’avviamento era stati tagliati e messi in corto in modo da consentire l’accensione senza chiave. L’auto era stata appena rubata. A bordo venivano identificati, oltre al conducente: Giuseppe Ferrisi, vittoriese di 22 anni, con precedenti di polizia, e Giovanni Bulcassimo, 20 anni, pure lui di Vittoria, incensurato. In auto vi erano pure due minorenni di 17 e 16 anni. Nella foto in alto da sx Ferrisi, Bocchieri e Bulcassimo.

I cinque giovani, a seguito della loro condotta, venivano immediatamente tratti in arresto e condotti alla caserma di via Plebiscito a Scoglitti da dove, al termine delle formalità di rito, i maggiorenni venivano sottoposti agli arresti domiciliari, mentre i minorenni accompagnati al Centro di Prima Accoglienza di Catania a disposizione delle Autorità Giudiziarie competenti davanti le quali dovranno rispondere del reato di furto aggravato in concorso e danneggiamento. Per Bocchieri si tratta dell’ennesima violazione penale in due anni.