Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 738
VITTORIA - 26/05/2014
Cronache - Irina Ioana Lipan si è tradita da sola alla vista dei poliziotti

Nel bus con mezzo chilo di coca: arrestata

Gli inquirenti ritengono che si potessero ricavare 2mila 500 dosi, per un totale complessivo di circa 250mila euro di profitto Foto Corrierediragusa.it

Si è tradita da sola alla vista dei poliziotti, che evidentemente non immaginava di trovare alla stazione dei pullman di Vittoria, proveniente da Catania sabato pomeriggio alle 15,30. Mentre gli agenti della Questura di Ragusa e del Commissariato di Vittoria perquisivano e identificavano uno per uno i passeggeri, Irina Ioana Lipan (nella foto con la droga sequestrata), romena di 20 anni, senza fissa dimora, con in mano una valigetta 24 ore, palesava tutta la sua insofferenza e agitazione in attesa del turno di perquisizione. Perché nella borsetta di colore bianco indossata a tracolla era nascosta, all’interno di una busta di plastica, ben mezzo di chilo di cocaina. Gli inquirenti ritengono che dal mezzo chilo di droga si potessero ricavare 2mila 500 dosi, per un totale complessivo di circa 250mila euro di profitto, salvo ulteriori operazioni di «taglio» che avrebbero fatto lievitare il numero delle dosi fino a 4mila. Oltre allo stupefacente, alla donna è stata sequestrata la somma di 220 euro in contanti, che la Polizia ritiene essere di provento illecito.

Per la romena è scattato l’arresto immediato e il trasferimento in Commissariato a Vittoria. Il sostituto procuratore della Repubblica Gaetano Scollo ha disposto successivamente il trasferimento nel carcere di Piazza Lanza a Catania.

L’operazione congiunta fra Polizia di Ragusa e di Vittoria, disposta dal questore Giuseppe Gammino, lascia intuire che gli inquirenti avevano fiutato da tempo le mosse della romena fino al blitz di sabato avvenuto nel piazzale Nenni della stazione ferroviaria. La giovane romena, che non risulta avere precedenti penali e di polizia, si ipotizza possa far parte di un giro di traffico di stupefacenti che ha come punto terminale il territorio ibleo. Infatti, sono tuttora in corso indagini finalizzate alla individuazione di altri soggetti coinvolti nella filiera dello spaccio destinato al mercato del territorio ragusano.