Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 805
VITTORIA - 14/05/2014
Cronache - Passaggio a livello aperto mentre il treno passa, quasi quasi non fa più notizia

Vittoria, passaggio a livello ancora pericoloso. Perchè?

Giuseppe Santocono, presidente Cna e testimone della tragedia sfiorata, sardonico: «Ci siamo abituati. Se non ci scappa il morto nessuno interviene. E dire che abbiamo consegnato un progetto realizzabile con poche migliaia di euro!»
Foto CorrierediRagusa.it

Stesso punto, stesso passaggio a livello, ore 7,20 del mattino, uscita per Comiso, 100 metri dalla Fontana della pace. Passa il treno, le sbarre sono di nuovo alzate (foto di repertorio) e la tragedia è solo sfiorata, perché una macchina che sopraggiunge in fase di sorpasso diretta a Comiso, rischia di collidere con la parte posteriore della littorina diretta anch’essa a Comiso e poi a Ragusa. «E’ già accaduto parecchie altre volte, ma ancora non si prendono provvedimenti. Forse si aspetta che ci scappi il morto!»- è la dichiarazione di un testimone oculare dell’accaduto, il presidente della Cna di Vittoria Giuseppe Santocono. «E dire che il sindacato che rappresento ha dato un grande contributo presentando un progetto all’amministrazione comunale che con poche decine di migliaia di euro risolverebbe definitivamente l’handicap dei tre passaggi a livello!»

Alle veementi proteste dell’Amministrazione comunale e del presidente del Consiglio Salvatore Di Falco, ha fatto da contrappeso il silenzio di Trenitalia. Come se il problema non interessasse a nessuno. Una cosa normale attraversare la linea ferrata e rischiare di scontrarsi con il treno. Quando le sbarre sono chiuse, la fila in entrata e in uscita dalla città è quasi chilometrica. Lì vicino c’è l’ospedale «Guzzardi», cosa potrebbe succedere nel caso si trovasse a passare l’ambulanza diretta nel nosocomio o in uscita per andare a prelevare ammalati o incidentati?

Il problema è serio e mostrarsi indifferenti può essere pericoloso. Dopo l’episodio verificatosi il 16 dicembre del 2013, in quel caso un automobilista ebbe il tempo di scattare delle foto con il cellulare proprio mentre passava il treno con le sbarre alzate precedendo una vettura ferma, la Procura della Repubblica ha voluto approfondire la situazione, ma a tuttora non si hanno notizie di indagini in corso per accertare presunti responsabili. C’è da augurarsi che la fortuna ci assista sempre, perché da quel passaggio a livello ogni giorno transitano decine di migliaia di motoveicoli alla cui guida non ci sono solo comuni mortali, ma anche persone che nelle istituzioni contano molto.


Comuni mortali
19/05/2014 | 9.10.32
Alberto

Bravo il riferimento del giornalista ai comuni mortali e ai super eroi delle istituzioni e della politica .

Dobbiamo sperare che venga accoppato uno di questi super eroi o suoi familiari e amici perché i responsabili facciano qualcosa.

Se muore un comune cittadino, pazienza, un voto in meno.

Aspettando l´incidente ...