Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1259
VITTORIA - 30/04/2014
Cronache - Blitz dei Carabinieri in due contrade dell’ipparino

Nonnino con arsenale arrestato dai Carabinieri

Arrestato un 70enne di origine calabrese. L’arsenale era composto da fucili, una pistola e numerose munizioni in ottimo stato di conservazione
Foto CorrierediRagusa.it

Recuperato un arsenale (foto) nella zona ipparina e arrestato un uomo di 70 anni, ritenuto responsabile di detenzione di armi e munizioni clandestine. Ad eseguire il provvedimento, i carabinieri della Compagnia di Vittoria i quali, nel corso di un controllo a tappeto sul territorio, hanno rinvenuto prima in contrada Bosco Rotondo e poi in contrada Salmè, fucili da caccia, una pistola e diverse munizioni. L’arrestato è Paolo Varacalli, originario di Reggio Calabria, pensionato e incensurato. Deteneva un fucile da caccia monocanna cal. 16 marca «Beretta» con matricola abrasa, perfettamente funzionante ed in buono stato di conservazione; un fucile da caccia a canne sovrapposte cal. 12 marca «Beretta», perfettamente funzionante ed in buono stato di conservazione, di proprietà di un comisano 50enne residente a Vittoria, celibe, bracciante agricolo, incensurato, quest’ultimo denunciato in stato di libertà per omessa custodia di armi, avendo ceduto l’arma senza dare comunicazione alle Autorità competenti; un sacchetto in plastica contenente 91 cartucce cal. 12 vario tipo (a palla, a granuli, a pallettoni) e 20 cartucce cal. 16.

Nel corso delle operazioni di perquisizione, Varacalli aveva cercato di eludere il controllo portandosi all’interno di un garage adiacente all’abitazione, dove aveva tentato di nascondere dietro ad un fusto di olio proprio il fucile con la matricola abrasa.

Nel corso un altro blitz all’ interno di un casolare abbandonato e diroccato, senza recinzione, sito in «Contrada Salmè», i carabinieri hanno rinvenuto un fucile semiautomatico cal. 12 marca «Benelli» modello «Raffaello» con matricola abrasa, perfettamente funzionante ed in buono stato di conservazione; una pistola a salve marca «Kimar» modello 92, parzialmente modificata con innesto di una canna in acciaio cal. 8; 85 cartucce cal.12 vario tipo; 14 cartucce 38 special vario tipo (blindata, piombo, wadcutter); 3 cartucce cal.7,65 palla piombo.

Considerato l’ottimo stato di conservazione delle armi, sostengono i carabinieri, è verosimile che le stesse possano essere state utilizzate in qualche azione delittuosa commessa di recente nel territorio di Vittoria o comuni limitrofi, quali ad esempio rapine o episodi ancor più gravi. Al fine supportare ulteriormente le ipotesi, l’armamentario sequestrato verrà inviato al Reparto Investigazioni Scientifiche (RIS) di Messina, ove le stesse verranno sottoposte ad attenta perizia specialistica.