Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 657
VITTORIA - 23/05/2008
Cronache - Vittoria - Danni ingenti al patrimonio boschivo

Ritorna l´emergenza incendi:
oltre 30 ettari in fumo

3 grossi roghi nello Sciclitano e nell’Ipparino Foto Corrierediragusa.it

Oltre 30 ettari di macchia mediterranea sono andati in fumo a causa del grosso incendio sviluppatosi ieri pomeriggio lungo la Scicli - Sampieri, in contrada Santa Rosalia. Il vento che spirava in zona ha reso più difficoltoso il lavoro dei vigili del fuoco che hanno lavorato oltre 4 ore prima di avere ragione delle alte lingue di fuoco. Restano da accertare le cause dell´incendio.

Notte d’inferno invece a Vittoria per un altro incendio che ha colpito il cuore della valle dell’Ippari. Non è la prima volta che accade, ed è sempre difficile stabilire se le fiamme si sviluppano da sole o se c’è la mano d’un piromane che le alimenta. E non siamo ancora nel periodo di canicola, perché il vero caldo deve arrivare. Cosa accadrà quando le temperatura salira oltre i 30°?

Dopo avere spento un incendio sviluppatosi in territorio di Acate, dove sono stati distrutti 5 ettari di grano in contrada Puzzazzito, le squadre del distaccamento dei Vigili del fuoco di Vittoria sono stati dirottati verso la pineta d’Aleppo per spegnere un incendio di vaste proporzioni ben visibile dalla parte alta dell’ospedale. L’incendio s’è sviluppato da nord a sud fino a lambire la villa comunale. Sono stati bruciati canneti, arbusti e sterpaglie, e il fumo cha ha invaso il cielo della città ha impregnato l’atmosfera di un odore acre e fastidioso da respirare.

Le operazioni di spegnimento condotte dai Vigili e dal personale della Forestale sono state piuttosto difficoltose. Quasi impossibile raggiungere il sito del focolaio perché le tante stradine d’accesso sono risultate impraticabili con i mezzi di soccorso, anche perché l’unico ponticello di attraversamento del fiume Ippari era inagibile.