Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1466
VITTORIA - 31/03/2014
Cronache - Operazione della Polizia in collaborazione con i colleghi della Polizia Postale

Truffatore seriale su Ebay denunciato

La denuncia è scattata per il 36enne M.G., già noto alla Polizia per reati simili Foto Corrierediragusa.it

E´ uno scafato truffatore della rete il 36enne nato a Milano e residente a Scoglitti scoperto dalla Polizia di Vittoria, in collaborazione con le Sezioni di Polizia Postale dei vari capoluoghi italiani. Vittima dell´ennesimo raggiro del truffatore incallito un ignaro acquirente di Reggio Emilia, che, sul notissimo sito internet di aste online Ebay pensava di avere scovato «l’affare»: un telefono marca Samsung Galaxy S4 nuovo di zecca ad un prezzo vantaggioso. L´uomo ha partecipato all’asta e si è aggiudicato l’oggetto per la cifra di 255,10 euro. Ricevuta conferma dell’aggiudicazione l´acquirente ha contattato immediatamente il venditore e ha effettuato la ricarica di una postepay che gli è stata indicata. Da quel momento, come da copione, il venditore è scomparso dal web e non ha più risposto alle diverse email che l’acquirente gli ha inviato per conoscere la tracciabilità del pacco. Infine l´uomo ha deciso di rivolgersi alla Polizia Postale di Reggio Emilia. Le indagini hanno condotto subito nel Ragusano. Gli agenti del Commissariato di Vittoria hanno quindi continuato le indagini acquisendo i dati sulla titolarità della postepay, presso l’ufficio anagrafe del comune di Vittoria e presso la casa d’aste. In tale modo si è giunti all’identificazione del truffatore, M.G., 36 anni, già noto alla Polizia per reati simili. Dalle indagini è emerso che nello stesso contesto M.G. aveva messo in vendita numerosi altri telefoni, truffando così diverse persone che lo hanno denunciato in altre parti d’Italia.

L’uomo ha ammesso gli addebiti, ossia di essere stato lui a mettere in vendita il telefonino, di avere incassato il prezzo di vendita e di non avere spedito l’oggetto perché da Napoli, presso cui si riforniva ed era in affari, egli stesso non avrebbe ricevuto la merce. Tuttavia non è stato in grado di fornire un solo elemento che potesse consentire di rintracciare questi suoi presunti fornitori. Inevitabile dunque la denuncia all’autorità giudiziaria.