Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 770
VITTORIA - 25/03/2014
Cronache - Operazione "Safety home" di Squadra Mobile di Ragusa e Commissariato di Vittoria

VIDEO - Presa banda terrore degli anziani

Sono state le intercettazioni ad inchiodare la spietata banda che aveva trasformato posti sicuri come le case in autentiche trappole Foto Corrierediragusa.it

Sono state le intercettazioni ad inchiodare la spietata banda che aveva trasformato posti sicuri come le case in autentiche trappole per le anziane vittime che venivano regolarmente rapinate, picchiate e imbavagliate con cattiveria gratuita, dopo essere state sorprese nel sonno.



Con l’operazione non a caso chiamata “Safety home” la Polizia ha arrestato 5 persone: Angelo Di Gregorio, il capo della banda, Salvatore Sacco, Roberto Scollo, Lucia Di Natale e Francesca Giordanella, colei che custodiva gli attrezzi del mestiere, tutti vittoriesi tra i 50 e i 30 anni accusati di associazione per delinquere. Sono 18 i colpi messi a segno in appena 4 mesi a Vittoria e Chiaramonte Gulfi con violenza inaudita. Solo per caso non c’è mai scappato il morto, vista l’età avanzata delle vittime, anche ultraottantenni, prese a calci e schiaffi per farsi rivelare dove tenevano denaro e gioielli. I rapinatori effettuavano prima i sopralluoghi nelle case prese di mira, agendo poi di notte con spavalderia. Sentendosi col fiato sul collo, i malviventi avevano interrotto la scia di terrore, ma la polizia aveva già raccolto prove sufficienti a loro carico.

In una delle intercettazioni i rapinatori erano intimoriti perché rimasti con l’auto panne dopo una rapina, mentre in un’altra si parlava addirittura di un colpo che parte della banda aveva organizzato ai danni di un loro componente, approfittando di un invito a cena. In un’altra intercettazione un rapinatore sbeffeggiava la vittima: “U babbo si teneva mille euro in tasca”. I rapinatori si lamentavano pure di rischiare grosso ogni notte per mettere a segno le rapine ai danni delle persone che loro stessi mettevano in pericolo di vita, stupendosi della paura che incutevano loro. In un’altra intercettazione si parlava infine di un grosso colpo di 6mila euro fallito perché stava per arrivare la polizia.


L´ORGANIZZAZIONE
Al termine dell’attività della Polizia di Stato coordinate dalla Procura della Repubblica di Ragusa hanno permesso di appurare che Di Gregorio Angelo ricopriva il ruolo di promotore ed organizzatore, oltre che partecipe alle varie fasi esecutive dei singoli delitti (ben 18 i casi di cui sono sospettati); i reati venivano da lui compiuti unitamente a Scollo Roberto e Sacco Salvatore, quali coadiutori nelle fasi organizzative e materiali esecutori degli stessi reati. Di Natale Lucia e Giordanella Francesca fornivano il necessario supporto logistico agevolando, tra le altre cose, l’allontanamento dai luoghi degli altri associati. La Giordanella era anche custode della refurtiva, così come degli abiti e delle attrezzature utilizzati durante le rapine ed i furti.

IL MODUS OPERANDI
Il modus operandi messo in atto dagli associati era particolarmente grave e poteva di sicuro condurre anche alla morte delle vittime considerata la loro età e le sevizie alle quali erano sottoposte. "Gli associati - spiegano gli inquirenti - nessuno escluso, dapprima effettuavano diversi sopralluoghi nei pressi delle abitazioni da derubare o rapinare, successivamente entravano in azione; quando accertavano che erano abitate entravano in casa ed immobilizzavano le vittime utilizzando del nastro adesivo; bloccate mani e piedi impedivano alle vittime di urlare con ciò che trovavano, un maglione o un cuscino, tutto andava bene, l’importante era raggiungere il risultato ma il rischio di soffocare la vittima anziana era altissimo". Durante una delle tante rapine in casa pianificate, il proprietario ancora sveglio aveva messo in fuga i criminali avvisando subito la Polizia.

LE INTERCETTAZIONI
Dall’attività investigativa e soprattutto dalle intercettazioni ambientali è emerso che gli associati agivano con particolare crudeltà nei confronti delle vittime. Il contenuto delle conversazioni mette in evidenza una personalità criminale particolarmente feroce, le loro vittime venivano scelte in modo accurato, più erano anziani e con problemi di salute e meglio era per loro.

"Nel commentare e molte volte vantarsi delle rapine e dei furti commessi i componenti della banda hanno fornito elementi schiaccianti alla Polizia che ha potuto produrli alla Procura della Repubblica. Tra i tanti commenti (si riportano quelli meno cruenti n.d.r.), nel raccontare una delle rapine in casa, il capo della banda asseriva di aver paura di essere arrestato per i reati commessi ma, una sera dopo aver aperto la serranda senza far rumore perché sapevano vi dormisse una “vecchia”, una volta entrati in tre la tenevano ed il quarto rovistava. Sapevano che già c’era l’oro ma quello che cercava per la fretta non sentiva che i tre lo chiamavano perché la “vecchia” sbatteva i piedi, “faceva un bordello” e pensavano arrivasse la Polizia" spiegano gli inquirenti.

"Subito dopo il racconto commentavano che uno di loro si era fatto prendere dal panico e che non c’era la Polizia e per colpa sua avevano perso un gran colpo, in quanto la vecchia stava per cedere e dire dove teneva l’oro e la cassaforte così si sarebbero “sistemati”. Ed ancora, nel vantarsi di un furto, uno dei componenti appellava le vittime come due “vecchi babbi” e che lui gli aveva trovato tutti i soldi in tasca, perchè questi “scemi” si tenevano tutto addosso. Continuando il racconto il componente della banda narrava che, non contenti, tre di loro prendevano a schiaffi gli anziani coniugi per farsi dire dove si trovava la cassaforte ed anche se lo schiaffeggiavano non parlava il “vecchio”. Sempre per la “prudenza” di uno di loro hanno perso quest’altro colpo, in quanto i vecchi resistevano alle botte e quindi decisero di tornare 15 giorni dopo quando non erano presenti perché visto che i “vecchi” erano malati di sicuro avevano tutto l’oro in casa e lo avrebbero trovato anche senza picchiarli nuovamente".

I RACCONTI DELLE VITTIME
Anche i racconti delle vittime permettono di rispecchiare la particolare violenza messa in atto dagli autori delle rapine. "Uno degli anziani rapinati ha riferito alla Polizia di Stato di aver avuto paura di morire durante le fasi della rapina, in quanto senza che lui avesse opposto resistenza, uno dei componenti della banda travisato con passamontagna ed armato di coltello, dopo aver preso tutto il denaro trovato in casa, lo picchiava con violenti schiaffi al volto per farsi dire doveva custodiva l’oro. Tante erano le botte che uno dei malvimenti intimava al complice di fermarsi perché lo avrebbe ammazzato e che se non parlava probabilmente era vero che non aveva più nulla in casa".

"L’anziano in lacrime durante la stesura del verbale di denuncia negli uffici di Polizia, riferiva agli investigatori che l’unico oro che gli era rimasto in casa (il resto lo aveva venduto per problemi economici) era quello delle fedi nuziali e che avendo perso la moglie pochi mesi prima, non lo avrebbe dato ai quei “farabutti” a costo di morire".

IL RUOLO DELLE DONNE
Il ruolo delle donne non era per nulla marginale, difatti eseguivano i sopralluoghi per le rapine insieme agli altri complici, custodivano tutto ciò che loro chiamavano “armatura”, ovvero passamontagna, arnesi atti allo scasso ed armi. In una occasione le due donne organizzavano un furto in abitazione a casa di alcuni parenti. La loro sete di denaro non si placava davanti a nulla, anche i parenti erano “bersagli”.

La Giorrandella e la Di Natale si mettevano d’accordo per far si che i parenti acquisiti della prima, uscissero al fine di poter accedere in casa con una copia delle chiavi che le due avevano preventivamente fatto, sempre durante una visita di cortesia. Dalle intercettazioni è emerso che le donne senza alcuna pietà nei confronti delle vittime ne parlavano con disprezzo forse per la loro condizione di assoluta normalità economica rispetto alla loro da sempre precaria. L’organizzazione era certosina, tra telefonate ed sms si avvisavano quando i commensali erano a tavola, momento propizio per consumare il furto. Inoltre durante la pianificazione del furto, gli associati si misero d’accordo per simulare un furto con scasso al fine di non far ricadere la colpa sui figli che si sarebbero dichiarati estranei.

L´OPERAZIONE DI POLIZIA
Stamani alle 4 la cattura dei componenti della banda con l’impiego di 40 uomini della Polizia di Stato appartenenti alla Squadra Mobile di Ragusa ed al Commissariato di Vittoria con l’ausilio del Reparto Volo, della Squadra Volanti e delle Unità Cinofile. Durante l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere uno dei componenti ha provato a sottrarsi alla cattura ma è stato immediatamente circondato e si è arreso. Le perquisizioni domiciliari effettuate nel corso della cattura, hanno permesso di trovare ulteriori elementi di prova a carico degli odierni arrestati. Rinvenuta una pistola a salve identica a quelle utilizzate dalle Forze di Polizia, binocoli (che dalle indagini era emerso che venivano utilizzati per monitorare i proprietari di casa), cesoie, piedi di porco, passamontagna, tute e felpe nere con cappuccio, torce, accette, coltelli di ogni dimensione e documenti rubati.

GLI ARRESTATI
Di Gregorio Angelo(nato a Vittoria nel ´70) era il promotore e l´organizzatore, Sacco Salvatore (nato a Vittoria nel ´63) già pregiudicato per furto e rapina, Scollo Roberto (nato a Vittoria nel ´68) pregiudicato per furto rapina, possesso ingiustificato di chiavi o grimaldelli e ricettazione, Di Natale Lucia (nata a Vittoria nel ´84) e Giordanella Francesca (nata a Comiso nel ´71)pregiudicata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

I CONSIGLI DELLA POLIZIA
“La Polizia di Stato raccomanda a tutti i cittadini di segnalare tempestivamente eventuali persone sospette nei pressi delle abitazioni, anche durante il giorno. Inoltre si richiede alle vittime, di denunciare i fatti occorsi indicando tutti gli elementi utili per le indagini, in quanto anche un piccolo dettaglio può aiutare gli investigatori a risalire all’identità degli autori dei reati”. “La Polizia di Stato consiglia inoltre di approfondire la conoscenza delle persone che si fanno entrare in casa per motivi professionali (ad es.: artigiani o collaboratori domestici), in quanto spesso carpiscono notizie sulle abitudini familiari che possono essere utilizzate da spregiudicati malviventi”.

I dettagli dell´operazione, condotta con una cinquantina di uomini e con l´ausilio di un elicottero, sono stati resi noti in questura dal procuratore Carmelo Petralia, dal suo sostituto Gaetano Scollo, dal questore Giuseppe Gammino, dal dirigente della Squadra Mobile Antonino Ciavola e dal dirigente del Commissariato di Vittoria Rosario Amarù. I tre componenti maschi della banda sono stati rinchiusi nel carcere di Ragusa, mentre alle due donne sono stati concessi i domiciliari.

Cliccate sulle foto sotto per ingrandirle e leggerne le didascalie

Angelo Di Gregorio Roberto Scollo Salvatore Sacco
Lucia Di Natale Francesca Giordanella Da sx in Questura Amarù, Scollo, Petralia, Gammino e Ciavola

VIGLIACCHI
25/03/2014 | 21.07.04
Gianni

Li lasciassero in piazza ai parenti delle vittime......