Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1502
VITTORIA - 11/03/2014
Cronache - La notte brava di 2 giovani vittoriesi segnalati dalla Polizia

Avance a una ragazza con inseguimento

Gli aggressori devono rispondere di minaccia aggravata dall’essere proveniente da più persone riunite e con l’uso delle armi Foto Corrierediragusa.it

Dopo i bagordi notturni, botte, inseguimento con auto e pistolettata, per fortuna sparata a salve. Tra un gruppo di vittoriesi e la controparte romena. Motivo della rissa, apprezzamenti vittoriesi nei confronti di una ragazza romena in compagnia di amici connazionali dentro un locale notturno sito nella fraziona marinara di Scoglitti. La rissa e le conseguenze successive hanno creato pericoli anche per l’incolumità pubblica di estranei alla vicenda.
Tutto è iniziato in un locale pubblico. Musica, balli e alcol, forse un po’ eccessivo, tanto che un italiano non ha resistito a fare qualche apprezzamento inopportuno a una ragazza romena che era in compagnia di connazionali, i quali si sono mobilitati per tutelarla. In pochissimo tempo il clan dei vittoriesi si è fatto corposo, circa una ventina, al punto da indurre i romeni a lasciare il locale a bordo di due autovetture. Non è finita lì, perché i giovinastri locali hanno inseguito i romeni sulla provinciale Scoglitti-Gela, fino a provocare un tamponamento fra di loro durante l’inseguimento. Una delle due auto sulla quale viaggiavano i romeni è finita fuori strada finendo la corsa contro un palo dell’illuminazione pubblica. Una volta raggiunti dagli inseguitori vittoriesi, il più facinoroso di questi ha estratto una pistola ed ha esploso alcuni colpi all’indirizzo del parabrezza dell’auto dei romeni, causando la fuga di tutti quanti.

La Polizia del Commissariato di Vittoria ha avviato le indagini, escludendo che si fosse trattato di un’arma vera, dato che il parabrezza dell’auto non era andato in frantumi né appariva scalfito, lasciando presumere si fosse trattato di una pistola a salve. Poi, sulla base delle testimonianze dei romeni gli agenti hanno identificato e rintracciato i presunti autori della bravata notturna. Due di loro sono stati denunciati all’autorità giudiziaria, in stato di libertà, per il reato di minaccia aggravata dall’essere proveniente da più persone riunite e con l’uso delle armi. Si tratta di due giovani già noti alle forze dell’ordine, S.A. di 18 anni e I.N. di 27 anni, entrambi vittoriesi.