Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1104
VITTORIA - 01/03/2014
Cronache - Succede di tutto sul popolare social network

"Guerre di bande" e battaglie di profili su Facebook!

Denunciato dalla polizia un "ladro d’identità" Foto Corrierediragusa.it

Le doppie facce di Facebook. Succede di tutto, sostituzioni di persone e «guerre di bande». Che sarebbe il videogioco online accessibile dalla piattaforma di Facebook, reso da un anonimo e incensurato commerciante vittoriese pericoloso al punto da beccarsi una denuncia all’autorità giudiziaria per il reato di sostituzione di persona. E’ quanto scoperto a seguito delle indagini avviate dal Commissariato in stretta collaborazione con la Polizia Postale di Ragusa e con l’Autorità Giudiziaria, che autorizzava l’acquisizione dei dati informatici e consentiva di ottenere da Facebook i dati relativi agli ultimi accessi del profilo. Le indagini sono iniziate a seguito della denuncia presentata da un uomo di 32 anni che collegatosi una sera al notissimo social Facebook, dopo avere digitato le credenziali di accesso, notava che un anonimo si era appropriato della sua immagine creando un altro profilo parallelo. Parlandone con amici era altresì venuto a conoscenza che erano state inviate richieste di amicizia da quel nuovo profilo, pertanto si era immediatamente recato presso gli Uffici di Polizia per sporgere denuncia.

Successivamente erano eseguite le indagini presso il gestore telefonico e da lì si risaliva all’utenza telefonica che aveva generato i cosiddetti I.P. ossia gli Internet Protocol address, quell’etichetta numerica che identifica univocamente un dispositivo (host) collegato a una rete informatica. La linea telefonica risultava intestata ad un altro soggetto vittoriese coetaneo del primo che nei giorni successivi veniva convocato in Commissariato affinché desse spiegazioni sulla vicenda. L’uomo riferiva che in effetti era l’autore del profilo oggetto di indagini che aveva creato solo per motivi ludici legati al videogame accessibile sulla piattaforma «FacebooK» denominato «Guerra di bande», con l’unico scopo di implementare il numero di ulteriori componenti della «sua banda» tale da renderlo più potente nel gioco.