Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 474
VITTORIA - 19/05/2008
Cronache - Vittoria - Paura per un incendio in abitazione avvenuto domenica

Fuoco dentro una casa di via Carlo Pisacane: è doloso

Forti sospetti sul figlio del proprietario. I vicini l’hanno visto andar via poco prima che dalla casa uscisse il fumo nero Foto Corrierediragusa.it

La Polizia cerca il piromane che ha appiccato il fuoco a un’abitazione di via Carlo Pisacane e che ha tenuto in ansia diverse famiglie del vicinato. Ha molti sospetti sul presunto responsabile, ma prima di rivelarli vuole chiudere le indagini.

L’episodio s’è verificato intorno alle 22,30 di domenica sera. Quando i Vigili del fuoco hanno ricevuto una telefonata che segnalava la fuoruscita di fumo dalle finestre di un’abitazione. I pompiedri sono entrati nella casa ed hanno spento i focolai appiccati da qualcuno in diversi punti, fra i quali il letto matrimoniale e l’armadio della camera da letto. In una delle stanze veniva rinvenuta anche una bottiglia di plastica con residui di liquido infiammabile.

Dal primo sopralluogo effettuato dai Vigili e dalla Polizia, si notava che le aperture esterne della casa erano ben chiuse. Nessuna traccia di effrazione, ma tanti elementi per ritenere l’incendio doloso. Chi ha dato fuoco alla casa l’ha fatto comodamente dall’interno e poi è uscito richiudendo la porta come se nulla fosse accaduto.

Il proprietario G.G., 60 anni, e la moglie, quando è successo il sinistro non erano dentro. L’uomo, rintracciato dagli investigatori, dichiarava che in casa era rimasto solo il figlio. Questi, secondo le rivelazioni fatte da alcuni vicini di casa, sarebbe stato visto allontanare pochi minuti prima che le fiamme avvolgessero l’immobile.

La polizia ha le idee molto chiare, su questo strano incendio, ma prima di dichiarare l’esistenza di eventuali responsabilità da parte del figlio, vuole approfondire ancora le indagini. Soprattutto per capire se fra i congiunti ci fossero problemi di coabitazione nella casa o se il figlio di G.G. avesse avuto in passato, o ne soffrisse tuttora, disturbi mentali.

Per fortuna le fiamme non hanno provocato molti danni. La mancanza d’ossigeno, probabilmente non ha favorito l’alimentazione del fuoco e tutto è stato limitato a danni ingenti agli arredi e all’annerimento dei muri.