Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 157
VITTORIA - 19/02/2014
Cronache - Tempestivo intervento degli agenti nei pressi del mercato dei fiori

Polizia sventa regolamento di conti

Un vittoriese e un gelese con precedenti penali sono stati denunciati: avevano dentro un Suv bastoni, un coltello e oggetti atti ad offendere
Foto CorrierediRagusa.it

La prevenzione è utile. Il tempestivo intervento della Polizia di Vittoria ha probabilmente evitato un regolamento di conti a bastonate e coltellate fra soggetti con precedenti penali.

La causa, un’amicizia contrastata tra un uomo e una donna. Tutto è partito dalla segnalazione di un persona che temeva per la propria incolumità, poiché nel pomeriggio di martedì due soggetti poco rassicuranti si erano presentati presso la sua abitazione chiedendo di lui senza riferire altro, ma dandogli appuntamento in piazza Berlinguer, nei pressi del Mercato dei fiori.

Gli agenti della Volante si sono portati nel luogo stabilito per l’appuntamento e nel corso del controllo hanno notato un Suv che viaggiava a velocità ridotta con i due occupanti che guardavano tra le persone presenti nella predetta piazza.

La pattuglia raggiungeva il mezzo, ma il conducente accelerava l’andatura dirigendosi all’interno del mercato dei fiori per cercare di eludere il controllo, ma veniva fermato più avanti. Nell’abitacolo c’erano due uomini, uno di 44 anni di Vittoria e l’altro di 57 anni di Gela, entrambi con precedenti di polizia.
Dalla perquisizione del baule posteriore si rinvenivano due bastoni, un coltello con una lama di 8 cm, terminante a punta, materiale che veniva sottoposto a sequestro. Gli agenti evitavano quindi che la vicenda potesse degenerare in un regolamento di conti il cui movente pare fosse un’amicizia contrastata tra la sorella di uno dei fermati con l’uomo che aveva chiesto l’intervento della Polizia. I due venivano segnalati, in stato di libertà all’Autorità giudiziaria per il reato per porto di armi od oggetti atti ad offendere.